AppleNews

Apple assume il progettista di chip ARM

Apple continua i suoi sforzi per muoversi verso l’utilizzo dei propri processori ARM su Mac e ora, ha assunto un designer chiave di ARM. A maggio, Apple ha ingaggiato Mike Filippo per unirsi al suo team di architettura di chip con sede in Texas. ARM ha confermato la partenza.

Filippo ha guidato lo sviluppo di diversi chip in ARM tra il 2009 e il 2019, tra cui Cortex-A76, Cortex-A72, Cortex-A57 e imminenti chip 7nm + e 5nm.

Tra il 2004 e il 2009, Filippo ha anche lavorato come lead processor e system architect di Intel, ed è stato un chip designer presso AMD tra il 1996 e il 2004, quindi porta con sé una ricca esperienza di chipmaking ad Apple.

Filippo

Apple, che progetta i suoi processori basati su ARM per Mac gli consentirebbe di allontanarsi dai processori Intel, che hanno spesso avuto dei ritardi. Infatti, fonti interne a Intel hanno confermato ad Axios che Apple prevede di passare ai processori basati su ARM nei Mac a partire dal prossimo anno.

Apple progetta già i propri chip della serie A per iPhone e iPad e progetta anche il chip di sicurezza T2 personalizzato nei recenti modelli Mac, come parte dei suoi più ampi sforzi per passare a componenti interni e progetti di chip. Da tempo Apple è nota per l’integrazione completa di hardware e software.

L’anno scorso, Bloomberg ha riferito che la transizione ai processori basati su ARM fa parte di un processo a più fasi che consentirà agli sviluppatori di creare un’unica app con un singolo binario che funziona su iPhone, iPad e Mac. Apple ha già gettato le basi per questo con Project Catalyst.

 

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!