AppleNews

L’Intelligent Tracking Prevention di Safari “è straordinariamente efficace”

I tentativi di Apple di proteggere gli utenti Safari su iOS e Mac dalla tecnologia di tracciamento degli annunci che violano la privacy sono stati "straordinariamente efficaci"

Nei due anni trascorsi da quando Apple ha rilasciato la funzione di Intelligent Tracking Prevention, che impedisce ai siti Web di tracciare gli utenti sul Web, sembra che abbia quasi completamente eliminato la possibilità per gli inserzionisti di commercializzare dati demografici specifici.

Un nuovo rapporto di The Information approfondisce il modo in cui l’offensiva di Apple contro gli annunci pubblicitari ha reso le cose più difficili per gli inserzionisti, mirando al contempo a una maggiore privacy degli utenti.

Safari

I dirigenti del settore dell’editoria online che hanno parlato con The Information, hanno affermato che l’obiettivo di Apple della Prevenzione del monitoraggio intelligente è stato “straordinariamente efficace“, impedendo ai siti Web di sapere cosa stanno facendo gli utenti sul web. Uno dei risultati di questo negli ultimi due anni è che i costi per gli inserzionisti sono diminuiti in modo significativo per gli utenti Safari mentre sono saliti per Chrome.

Sebbene ciò possa sembrare una cosa positiva per gli inserzionisti, il motivo per cui il prezzo degli annunci Safari è diminuito è che sono meno desiderabili. A causa dell’Intelligent Tracking Prevention (ITP), gli esperti di marketing non possono concentrarsi su specifici dati demografici.

“Il fascino di un utente Safari in un’asta è precipitato”, ha dichiarato alla pubblicazione il CEO di Rubicon Project, Michael Barrett. “Non è facile identificare un utente.”

Senza approfondimenti sui modelli di navigazione, gli utenti Safari diventano un obiettivo a basso rendimento per i fornitori di annunci, con scarso incentivo a investire in cookie per la pubblicazione di annunci su Safari. Con i problemi di sicurezza che elaborano gli inviti, gli inserzionisti sono costretti a cambiare tattica o passare a un’altra piattaforma.

Secondo la società di software di vendita di annunci pubblicitari Nativo, circa il 9% degli utenti Safari basati su iPhone consente alle entità Web di monitorare le proprie abitudini di navigazione. Tale cifra sale al 13% su Mac. Al contrario, circa il 79% degli utenti di Chrome consente il tracciamento degli annunci sui dispositivi mobili.

Apple ha limitato in modo proattivo il monitoraggio degli utenti sul Web per anni con sforzi iniziali come la funzione di monitoraggio degli annunci limitati in iOS 6. Più recentemente, e con solide basi in ITP, la società ha ulteriormente ridotto l’uso dei cookie in Safari e WebKit.

Da parte sua, la società afferma che ITP e le tecnologie successive sono progettate per migliorare la privacy dei consumatori, non per distruggere il business della pubblicità online.

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!