Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

News

Foxconn: “False le notizie della riapertura del 50% delle nostre fabbriche”

Foxconn ha smentito un rapporto secondo il quale la società prevede di riaprire una parte significativa delle sue fabbriche a febbraio.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Martedì, vi avevamo riferito che il fornitore di Apple avrebbe riavviato il 50% di tutte le sue fabbriche entro la fine del mese, con l’obiettivo di portare tale cifra all’80% entro marzo (fonte Reuters).

Foxconn ha negato le affermazioni di Reuters in una dichiarazione alla borsa di Taipei. Il produttore a contratto non ha corretto la pubblicazione, né ha fornito ulteriori informazioni sullo stato attuale delle sue capacità di produzione.

Le aziende in tutta la Cina, e in particolare quelle nelle aree circostanti Wuhan, continuano a sentire gli effetti dell’epidemia di coronavirus. Le imprese funzionano con personale dimezzato o rimangono chiuse poiché i dipendenti non sono in grado di tornare al lavoro a causa delle misure precauzionali progettate per impedire la diffusione dell’epidemia.

Foxconn

Alla fine di gennaio, quando la gravità del nuovo coronavirus era in gran parte sconosciuta, Foxconn ha affermato che gli ordini dei clienti non sarebbero stati influenzati dalla minaccia e si aspettava che le sue strutture tornassero alla piena produzione entro il 10 febbraio. Il governo cinese ha in seguito esteso la data di riapertura nel tentativo di ridurre la diffusione del virus.

Secondo un recente rapporto, Foxconn si è preparata per soddisfare gli ordini degli iPhone e sta trasferendo una fetta della produzione in siti in India e Taiwan. L’impianto di Zhengzhou della società, che gestisce gran parte dell’assemblaggio di iPhone 11 e 11 Pro, è attualmente chiuso.

Apple sta inoltre adottando misure per combattere la diffusione del virus e questo mese ha chiuso tutti i negozi e gli uffici del Paese.

L’epidemia di coronavirus ha finora ucciso oltre 1.300 persone e infettato oltre 60.000 persone in tutto il mondo.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.