Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

AppleNotizie

Tile: “Il comportamento anticoncorrenziale di Apple è peggiorato”

Il produttore di hardware e software di localizzazione, ha dichiarato alla House Judiciary Committee che Apple continua manifestare comportamenti anticoncorrenziali nonostante abbia promesso di non farlo come parte di una risoluzione raggiunta all'inizio di quest'anno.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

A gennaio, Tile e altre tre società si sono incontrate con il comitato antitrust della House of Representatives Judiciary Committee per eliminare le preoccupazioni relative ai giganti della tecnologia tra cui Apple, Amazon, Facebook e Google.

Durante il panel, il vicepresidente di Tile e il consigliere generale Kirsten Daru hanno dichiarato che l’azienda ha avuto un ottimo rapporto con Apple fino al 2019. Dopo anni di collaborazione, i rapporti sono iniziati a peggiorare quando è emerso che Apple stava preparando un dispositivo di tracciamento che sarebbe in concorrenza diretta con le offerte di Tile.

“Sfortunatamente, da quell’audizione, i comportamenti anticoncorrenziali di Apple sono peggiorati, non migliorarti”, ha dichiarato Tile alla commissione.

Innanzitutto, Tile afferma che le modifiche alla privacy apportate a iOS 13  hanno privato l’app Tile delle funzionalità principali. In particolare i servizi di geolocalizzazione su cui l’app iOS di Tile si basa per funzionare. Con iOS 13, Apple ha sostituito l’opzione “Consenti sempre” dei servizi di localizzazione con “Consenti una volta“, chiedendo agli utenti l’autorizzazione ogni volta che un’app richiede informazioni sulla posizione del dispositivo.

Per prodotti come Tile, che eseguono regolarmente il ping dell’hardware di posizionamento integrato di iPhone, l’elaborazione in background è essenziale per offrire un’esperienza utente senza interruzioni. Senza un accesso costante, alcune funzionalità come gli avvisi intelligenti non possono funzionare.

Tile

In secondo luogo, gli Apple Store hanno smesso di vendere i tracker, una decisione che Tile suggerisce è stata interamente motivata dal desiderio di danneggiare le vendite di un concorrente prima del lancio dell’AirTag da parte della società Cupertino.

Inoltre, afferma, l’app Dov’è di Apple non può essere eliminata dagli utenti e che Tile non ha accesso alla nuova radio a banda ultra larga (UWB), che i prossimi AirTag di Apple dovrebbero utilizzare. UWB offre una precisione maggiore nel localizzare i dispositivi vicini rispetto al Bluetooth.

Tile ha anche detto che sembra che Apple stia lavorando a un prodotto hardware che verrà aggiunto all’app Dov’è, facendo riferimento ai rumors sugli AirTag. È stato dimostrato che Apple sta sviluppando piccoli tag di tracciamento che potranno essere collegati a portafogli, chiavi e altri elementi.

Gli AirTag competeranno direttamente con i tag di tracciamento Bluetooth di Tile, che svolgono una funzione simile, ma avranno un vantaggio perché saranno integrati direttamente nell’app Dov’è‌ utilizzata da ogni proprietario di iPhone, iPad e Mac.

AirTag

Apple ha deciso di non commentare ciò che Tile ha detto, ma ha ribadito a Reuters la sua precedente dichiarazione fatta a gennaio:

Apple sviluppa hardware, software e app a livello di sistema per proteggere la privacy degli utenti e fornire i migliori prodotti ed ecosistemi al mondo. Apple non ha creato un modello di business per conoscere la posizione di un cliente o la posizione del proprio dispositivo.

Quando si configura un nuovo dispositivo, gli utenti possono scegliere di attivare i servizi di localizzazione per aiutare a trovare un dispositivo smarrito con l’app Dov’è‌‌, un’app su cui gli utenti fanno affidamento dal 2010. I clienti hanno il controllo dei propri dati di posizione, inclusa la posizione del loro dispositivo. Se un utente non desidera abilitare queste funzionalità, esiste un’impostazione chiara e di facile comprensione in cui può scegliere esattamente quali servizi di localizzazione desidera abilitare o disabilitare.

Per quanto riguarda le app di terze parti, abbiamo creato l’App Store con due obiettivi in ​​mente: che fosse un luogo sicuro e affidabile per i clienti di scoprire e scaricare app e una grande opportunità di business per gli sviluppatori. Collaboriamo costantemente con gli sviluppatori e forniamo il loro feedback su come proteggere la privacy degli utenti fornendo allo stesso tempo gli strumenti di cui gli sviluppatori hanno bisogno per realizzare le migliori esperienze con le app.

Attualmente stiamo lavorando con gli sviluppatori interessati ad abilitare la funzionalità “Consenti sempre” per abilitare quella funzionalità al momento della configurazione in un futuro aggiornamento del software.

Non è chiaro per cui Tile pensi che il comportamento di Apple sia ora peggiore di quello che era.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.