PUBBLICITÀ
Curiosità

Il profilo dell’API Apple/Google rivela come è nato il progetto

Un profilo di data scientist svizzeri ha offerto maggiori informazioni su come è nato il progetto di tracciamento dei contatti gestito da Apple e Google, incluso il modo in cui il team ha attirato l'attenzione dei giganti della tecnologia.

L’API di tracciamento dei contatti sviluppata da Apple e Google viene utilizzata per tenere traccia della diffusione di COVID-19, con organizzazioni sanitarie di tutto il mondo che utilizzano l’API in app, ad esempio Immuni in Italia, destinate a monitorare in modo sicuro e privato il virus.

Anche se ancora è in fase di implementazione a livello globale, un rapporto su come è nato il progetto rivela che tutto è nato da un gruppo di data scientist in Svizzera.

Il profilo di Neue Zurcher Zeitung spiega come il fondatore del CTO Edouard Bugnion di VMWare abbia sentito parlare di un suggerimento dell’epidemiologo Marcel Salathe riguardo all’uso di un’app per tenere traccia delle infezioni in una pandemia. Nel tentativo di risolvere il problema, Salathe ha osservato le app esistenti in Asia che si basavano sul GPS, ma ha anche utilizzato una grande quantità di dati personali per eseguire l’operazione.

tracciamento contatti

Bugnion ha contattato l’esperta spagnola di protezione dei dati Carmela Troncoso per lavorare su un modo per creare un’app di tracciamento dei contatti senza utilizzare il tracciamento GPS. Gli esperti hanno capito che l’utilizzo di Bluetooth LE sarebbe stata un’ottima risposta come opzione di salvataggio dei dati che non si basa su dati di localizzazione diretta e, con l’ulteriore utilizzo di codici ID anonimizzati, garantisce la privacy degli utenti.

Altri ricercatori in tutto il mondo si sono uniti al lavoro svizzero, ma il team ha determinato che l’assistenza di Apple fosse determinante a causa delle rigide politiche della società sull’utilizzo del Bluetooth negli iPhone. Bugnion ha utilizzato i contatti con sede in California per cercare di entrare in contatto con Apple, ma ha rapidamente scoperto che era difficile stabilire una comunicazione con l’azienda poiché così tante persone la contattano ogni giorno.

Dopo essere stato richiamato da Apple il 21 Marzo, Bugnion ha iniziato a spiegare l’idea tramite e-mail, che poi si è trasformata in una serie di incontri per spiegare cosa la società avrebbe dovuto fare, in particolare allentando le politiche.

Pochi giorni dopo, precisamente il 5 Aprile, Apple dichiarò che era disposta a investire risorse, ma decise che Google doveva aiutarla e che era necessario creare un sistema interoperabile. Così il 10 Aprile, le due società annunciarono il loro sistema di tracciamento dei contatti.

“Il fatto che noi, come team internazionale, abbiamo avuto un tale impatto su questi giganti e che siamo diventati uno dei loro principali partner, è un’espressione della ricerca informatica di alta qualità in Svizzera”, ha affermato Bugnion.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button