Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

App Store

App Store: Apple denunciata ancora una volta per pratiche anticoncorrenziali

Apple sta affrontando un'altra accusa per pratiche anticoncorrenziale dell'App Store, questa volta da parte di Rakuten.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Un altro reclamo formale sulle pratiche anticoncorrenziali di Apple è stato presentato alla Commissione europea.

La denuncia è stata presentata dalla filiale Kobo di Rakuten, in cui afferma che non può competere equamente con Apple Books sull’App Store mentre è soggetto alla condivisione del 30% delle entrate derivanti dagli acquisti effettuati nell’app Kobo.

Rakuten ha presentato la denuncia a Marzo, sostenendo che “è anticoncorrenziale prendere una commissione del 30% sulle vendite di ebook attraverso l’App Store, promuovendo allo stesso tempo il proprio servizio Apple Books“.

Come osserva il rapporto, questo è simile a una denuncia del 2019 di Spotify, nella quale sosteneva che cui il produttore di iPhone ha applicato le regole di ‌‌App Store‌‌ che “limitano deliberatamente la scelta e soffocano l’innovazione a spese dell’esperienza dell’utente“.

Apple rispose rapidamente all’accusa, etichettandola come “retorica fuorviante” e sostenendo che “Spotify vuole tutti i vantaggi di un’app gratuita senza essere esserlo“. Il reclamo antitrust di Spotify è ancora sotto inchiesta.

Netflix e Spotify hanno combattuto a lungo contro questa commissione del 30 percento e Apple ha sostenuto che le entrate che guadagna contribuiscono ai costi di manutenzione dell’App Store e di applicazione del suo contenuto, della privacy e delle linee guida di sicurezza.

Inoltre, soltanto tre settimane fa Tile ha chiesto all’UE di indagare sulle pratiche commerciali di Apple, cosa che ha già fatto anche negli Stati Uniti. Sembra che il produttore di accessori sia preoccupato per il fatto che i “recenti cambiamenti” del sistema operativo di Apple hanno frustrato l’esperienza dell’utente di Tile per i clienti. Il rapporto rileva inoltre che Apple si stia preparando a lanciare i suoi “AirTag“, un rivale diretto dei suoi prodotti.

L’UE può costringere le aziende a cambiare le pratiche commerciali che ritengono illegali e applicare multe fino al 10% del fatturato globale di un’azienda. Tuttavia, le indagini della Commissione europea possono richiedere anni per essere risolte.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.