Notizie

Google raccoglie segretamente i dati degli utenti Android e iOS

Una nuova causa sostiene che Google raccoglie segretamente i dati degli utenti Android e iOS, anche se non utilizzano le app della società.

Il mese scorso, Google è stata denunciata per il presunto monitoraggio “illegale” di milioni di utenti in modalità di navigazione in incognito. 

Adesso, il colosso della ricerca è stato accusato di raccogliere dati dagli utenti di dispositivi mobili, nonostante abbiano disattivato il tracciamento di “Attività web e app” nelle impostazioni dell’account Google (tramite Reuters).

La causa, che sta cercando lo status di class action, sostiene che Google stia violando le intercettazioni federali e le leggi sulla privacy della California poiché il gigante della ricerca “registra illegalmente ciò che la gente sta facendo” anche su migliaia di app di terze parti. Il reclamo sostiene che Google utilizza Firebase SDK per raccogliere i dati, che vengono eseguiti all’interno di altre app ed è invisibile ai consumatori.

L’SDK ha lo scopo di aiutare gli sviluppatori per cose come monetizzare le loro app con AdMob, scoprire come gli utenti interagiscono con le loro app, tenere traccia delle anomalie e altro ancora. Google apparentemente utilizza i dati raccolti utilizzando Firebase non solo per migliorare i propri prodotti, ma anche per personalizzare gli annunci per gli utenti.

La società, promuove l’utilizzo di questo tool per gli sviluppatori mobili su qualsiasi piattaforma. “Facile da integrare su iOS, Android e Web“, afferma sul sito Web di Firebase SDK. “Spedisci facilmente app multipiattaforma.”

Come indicato nella causa, Google ha un’impostazione opzionale per impedire il tracciamento di “attività web e app“, ma sostiene che questa e altre rassicurazioni sulla privacy sono “palesi bugie“.

“Anche quando i consumatori seguono le istruzioni di Google e disattivano il tracciamento di” Attività web e app” nei loro ” Controlli sulla privacy”, Google continua comunque a intercettare l’utilizzo delle app da parte dei consumatori, le comunicazioni di navigazione e le informazioni personali”.

“La società conosce amici, hobby, tendenze politiche, preferenze culinarie, gusti cinematografici, attività di shopping, destinazioni preferite per le vacanze, impegni romantici e persino gli aspetti più intimi e potenzialmente imbarazzanti delle storie di navigazione e dell’utilizzo delle app degli utenti”, afferma la causa.

Cosa ne pensate?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!