Notizie

La WeChat Users Alliance fa causa all’amministrazione Trump nel tentativo di bloccare il divieto dell’app

Secondo quanto riferito, la WeChat Users Alliance ha fatto causa all'amministrazione Trump definendo l'ordine esecutivo firmato dal Presidente come "anticostituzionale".

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Un gruppo di utenti di WeChat ha intentato una causa contro l’amministrazione Trump nel tentativo di bloccare un ordine esecutivo che vieterebbe l’app negli Stati Uniti, riporta il Wall Street Journal.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


All’inizio di questo mese, il presidente Trump ha firmato due ordini esecutivi che vieteranno ufficialmente qualsiasi transazione statunitense con ByteDance e Tencent, le società cinesi che possiedono rispettivamente TikTok e WeChat. L’ordine verrà emanato il 20 Settembre, ma TikTok eviterà il divieto qualora una società americana acquistasse le sue operazioni negli Stati Uniti prima della suddetta data.

Presentata dalla WeChat Users Alliance e da molti altri querelanti presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti di San Francisco, la causa sostiene che l’ordine esecutivo di vietare WeChat è incostituzionale e viola il diritto alla libertà di parola.

Afferma inoltre che, il divieto prende di mira illegalmente i cinesi-americani che usano l’app per comunicare con cittadini cinesi. Un avvocato del gruppo, composto da persone che dipendono dalla società per scopi personali e aziendali, afferma che l’amministrazione Trump dovrà chiarire quali transazioni WeChat sarebbero soggette al divieto.

WeChat è estremamente popolare tra gli utenti di dispositivi mobili cinesi, essenzialmente perché funziona come una propria piattaforma su iOS e Android, ma l’app è anche ampiamente utilizzata in tutto il mondo e ha oltre 1,2 miliardi di utenti attivi mensilmente.

Non è ancora chiaro se il divieto si applichi solo negli Stati Uniti o se comporterà la rimozione di WeChat dagli iPhone in tutto il mondo. In ogni caso, qualsiasi divieto sarebbe una cattiva notizia per Apple. Nella peggiore delle ipotesi, le spedizioni globali annuali di iPhone potrebbero diminuire del 25-30% se fosse costretta a rimuovere l’app dagli App Store in tutto il mondo.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


In un sondaggio di Weibo, il 95% dei possessori di iPhone ha affermato che passerebbe a uno smartphone Android‌‌ piuttosto che rinunciare a WeChat.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.