App Store

Apple pubblica un nuovo documento sull’impegno per i diritti umani

A seguito delle preoccupazioni dei suoi azionisti sul presunto sostegno di Apple alla censura cinese, la società ha pubblicato un documento formale in cui dichiara il suo impegno a difendere i diritti umani.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Apple ha rilasciato una dichiarazione formale in cui afferma gli impegni della sua azienda per i diritti umani e la libertà di parola.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


La società afferma di credere nell’importanza fondamentale di una società aperta e che “il modo migliore per continuare a promuovere l’apertura è rimanere impegnati, anche laddove potremmo non essere d’accordo con le leggi di un paese“.

Il documento di quattro pagine formalizza l’impegno di Apple a “rispettare i diritti umani di tutti coloro che raggiungiamo attraverso i nostri dispositivi“, ma ammette che la società è “tenuta a rispettare le leggi locali“, anche se non menziona un paese in particolare.

“Laddove la legge nazionale e gli standard internazionali sui diritti umani differiscono, seguiamo gli standard più elevati. Laddove sono in conflitto, rispettiamo la legge nazionale mentre cerchiamo di rispettare i principi dei diritti umani internazionalmente riconosciuti”.

Come notato, la mossa arriva dopo le pesanti critiche rivolte ad Apple per essersi sottomessa ad alcuni governi, come Cina e Russia, su questioni che molti considerano relative ai diritti umani. 

operatori sanitari

In passato, un gruppo di investitori aveva espresso preoccupazioni su quanto Apple si opponga alle richieste di censura della Cina, come la rimozione di app VPN dall’App Store o lo spostamento dei dati iCloud dei cittadini nei data center controllati dalla Cina. 

Tuttavia, la nuova dichiarazione di Apple non significa davvero che cambierà il modo in cui opera. L’azienda afferma che seguirà le leggi locali come ha sempre fatto, il che significa che dovrà continuare a bloccare l’iPhone e altri dispositivi Apple in Cina, fino a quando le leggi cinesi non cambieranno. 

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.