Notizie

Epic Games presenta un’ingiunzione per il ritorno di Fortnite su App Store

La casa di sviluppo di videogiochi situata a Cary in Carolina del Nord ha presentato un'ingiunzione preliminare cercando di far tornare Fortnite sull'App Store.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Solo una settimana dopo che Apple ha chiuso l’account sviluppatore di Epic Games, la casa di sviluppo di videogiochi situata a Cary in Carolina del Nord ha presentato un’ingiunzione preliminare che consentirebbe a Fortnite di tornare sull’App Store e ripristinare l’accesso al suo account sviluppatore.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Nel deposito, Epic Games afferma che è probabile che subisca danni irreparabili se Fortnite non ritornare sull’App Store e che “l’equilibrio dei danni punta fortemente a favore di Epic“, citando che gli utenti attivi quotidianamente di iOS sono già diminuiti di oltre il 60% dalla rimozione iniziale dell’app dallo Store.

Il deposito descrive ancora una volta Apple come un “monopolista” che mantiene il suo potere di mercato “vietando esplicitamente qualsiasi ingresso competitivo“.

Epic afferma anche che le azioni di Apple contro Fortnite dovrebbero essere percepite come “un chiaro avvertimento” per gli altri sviluppatori:

“Questo è stato un chiaro avvertimento per qualsiasi altro sviluppatore che osa sfidare i monopoli di Apple: segui le nostre regole o ti tagliamo fuori da un miliardo di consumatori iOS – sfidaci e distruggeremo la tua attività”, ha affermato Epic Games nella dichiarazione.

Epic ha presentato istanza di ingiunzione presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California. L’obiettivo è ripristinare Fortnite nell’App Store mentre la battaglia legale tra le due società continua.

Apple ha affermato che sarebbe disposta a riportare Fortnite sull’App Store se Epic rimuovesse la funzione di pagamento diretto dall’app. Epic si è rifiutata di farlo, affermando che soddisfare tale richiesta sarebbe “colludere con Apple per mantenere il monopolio sui pagamenti in-app su iOS“.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


L’ingiunzione preliminare è stata depositata venerdì presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California e l’udienza si terrà il 28 settembre.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.