Notizie

Apple è accusata di discriminazione verso gli sviluppatori russi

Secondo un nuovo rapporto, un legislatore russo ha accusato Apple di essere discriminatoria nei confronti degli sviluppatori russi.

All’inizio di questo mese un legislatore russo ha presentato un disegno di legge che costringerebbe Apple a ridurre la commissione sull’App Store al 20%Inoltre, l’antitrust russo sta anche indagando sull’App Store per presunti comportamenti anticoncorrenziali.

PUBBLICITÀ

Anton Gorelkin, un legislatore russo e membro del partito politico “Russia Unita“, ha accusato Apple di essere discriminatoria nei confronti degli sviluppatori russi. Gorelkin ha chiesto al servizio antimonopolio federale russo di indagare sulle apparenti affermazioni degli sviluppatori russi secondo cui la società di Cupertino sta attivamente cercando di rendere più difficile per loro diventare sviluppatori.

Secondo il legislatore, l’algoritmo e il processo di Apple per fare domanda per diventare uno sviluppatore sono progettati per richiedere ai russi di utilizzare un “mercato nero” per ottenere un account. Anton afferma che il processo di registrazione della società richiede le informazioni di fatturazione, ma che il formato in cui le banche russe forniscono tali informazioni non è accettato da Apple. 

App Store

Inoltre, afferma che il produttore di iPhone accetta metodi di pagamento popolari per sviluppatori americani o cinesi, ma non per i russi.

In effetti, Apple sta perseguendo una politica discriminatoria basata sulla cittadinanza degli sviluppatori per un certo numero di paesi, inclusa la Russia”.

Il servizio antimonopolio federale che sta conducendo le molteplici indagini su Apple ed esaminerà le affermazioni del signor Gorelkin, ma afferma che contrariamente a quanto afferma il legislatore, non ha ricevuto alcun reclamo dagli sviluppatori.

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button