Notizie

Epic Games, Spotify e Tile formano la “Coalition for App Fairness”

La Coalition for App Fairness è un'organizzazione senza scopo di lucro indipendente fondata da aziende leader del settore per difendere la libertà di scelta e la concorrenza leale in tutto l'ecosistema delle app.

Diverse società, tra cui Epic Games, Spotify e Tile, hanno formato una nuova organizzazione chiamata “Coalition for App Fairnes“, nel tentativo di evidenziare i problemi degli sviluppatori con Apple.

L’organizzazione si descrive come “un’organizzazione senza scopo di lucro indipendente fondata da aziende leader del settore per difendere la libertà di scelta e la concorrenza leale in tutto l’ecosistema delle app”.

I membri fondatori sono:

  • Basecamp
  • Blix
  • Blockchain
  • Deezer
  • Epic Games
  • European Publishers Council
  • Match
  • News Media Europe
  • Prepear
  • ProtonMail
  • SkyDemon
  • Spotify
  • Tile

Secondo la colazione, Apple guadagna 15 miliardi di dollari all’anno dalla sua commissione del 30%.

Il gruppo sta attivamente facendo pressioni su altri sviluppatori affinché si uniscano a esso, affermando che “insieme combatteremo contro il controllo monopolio dell’ecosistema delle app da parte di Apple”.

La coalizione ha sede a Washington DC e Bruxelles, e mira a guidare i cambiamenti legali e normativi attraverso tre punti chiave:

  • Politiche anticoncorrenziali attentamente elaborate. Apple utilizza il controllo del sistema operativo iOS per favorire se stessa controllando i prodotti e le funzionalità a disposizione dei consumatori. L’azienda richiede ai produttori di apparecchiature di limitare le opzioni, obbliga gli sviluppatori a vendere tramite il suo App Store e ruba idee ai concorrenti.
  • 30% di “Tassa sulle app” per creatori e consumatori. Per la maggior parte degli acquisti effettuati all’interno dell’App Store, Apple prende il 30% del prezzo di acquisto. Nessun’altra commissione di transazione, in nessun settore, è paragonabile. Questa tassa sull’app riduce notevolmente il potere d’acquisto dei consumatori e le entrate degli sviluppatori. Questa tassa sulle app è particolarmente ingiusta quando viene imposta alle app che competono direttamente con quelle vendute da Apple, aumentando i loro prezzi e ponendole in un netto vantaggio competitivo.
  • Nessuna libertà dei consumatori. Se i consumatori vogliono utilizzare un moderno dispositivo mobile, Apple riscuote una tassa che nessuno può evitare. Nessuna concorrenza, nessuna opzione, nessuna possibilità di ricorso. Le politiche dell’App Store sono prigioni per le quali i consumatori sono tenuti a pagare e da cui gli sviluppatori non possono sfuggire.

Cosa ne pensate?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!