macOS

macOS Big Sur, cosa è successo durante il lancio del nuovo update?

Durante il lancio di macOS Big Sur, gli utenti di tutto il mondo hanno riscontrato diversi problemi di download/installazione del nuovo update e non solo.

Due giorni fa Apple ha rilasciato macOS Big Sur per tutti gli utenti Mac, i quali hanno riscontrato diversi problemi durante il download del nuovo update e non solo.

L’aggiornamento a Big Sur doveva funzionare senza intoppi e invece ha causato interruzioni in tutto il mondo anche per gli utenti che non stavano cercando di scaricarlo.

Chiunque può commettere errori. E pochissime aziende possono fornire un sistema operativo rinnovato a milioni di utenti senza problemi. Tuttavia, dall’azienda di Cupertino ci si aspetta sempre il meglio e certi errori non può permetterseli.

Soprattutto ora, quando la fiducia dei consumatori deve essere mantenuta a tutti i costi durante una grande transizione hardware verso i propri chip auto-prodotti, la società non può commettere questi errori che hanno persino impedito ad alcuni utenti di avviare app già installate su macchine che stavano eseguendo vecchie versioni di macOS.

Il ricercatore di sicurezza e hacker Jeffry Paul ha spiegato cosa potrebbe essere accaduto quella sera e che tutto ciò potrebbe essere collegato a problemi di privacy e sicurezza:

Nelle versioni moderne di macOS, non puoi semplicemente accendere il computer, avviare un editor di testo o un lettore di eBook e scrivere o leggere, senza che un registro della tua attività venga trasmesso e memorizzato.

Si scopre che nella versione corrente di macOS, il sistema operativo invia ad Apple un hash (identificatore univoco) di ogni programma che esegui, quando lo esegui. Molte persone non se ne rendevano conto, perché è silenzioso e invisibile e lavora quando sei offline, ma oggi il server è diventato molto lento e non ha raggiunto la meta velocemente e, di conseguenza, le app degli utenti si avviavano lentamente se erano connessi a Internet.

Poiché la società esegue queste operazioni utilizzando Internet, il server vede il tuo IP, ovviamente, e sa a che ora è arrivata la richiesta. Un indirizzo IP consente la geolocalizzazione grossolana, a livello di città e a livello di ISP e condivide una tabella contenente i seguenti dati:

Date, Time, Computer, ISP, City, State, Application Hash

Ciò significa che Apple sa quando sei a casa. Quando sei al lavoro. Quali app apri lì e con quale frequenza. Sanno quando apri Premiere a casa di un amico sul loro Wi-Fi e sanno quando apri Tor Browser in un hotel durante un viaggio in un’altra città.

Le richieste OCSP non sono crittografate e non è solo Apple ad avere accesso ai dati.  Queste richieste vengono trasmesse in chiaro. Tutti quelli che possono vedere la rete possono vederli, incluso il tuo ISP.

Tuttavia, Paul afferma che il suddetto sistema potrebbe essere stato rimosso da macOS Big Sur.

Inoltre, va notato che macOS Big Sur era stato caricato sui server il 9 Novembre, ma, senza un’apparente motivazione tecnica, la società ha deciso di rilasciare l’update soltanto tre giorni dopo. Ciò potrebbe essere collegato ai nuovi Mac Apple Silicon rilasciati il 10 Novembre. Se Apple avesse rilasciato la nuova versione di macOS e aperto i preordini per le nuove macchine durante la stessa giornata, gli utenti non sarebbero stati in grado di acquistare i nuovi Mac M1.

infine, vale la pena notare che Apple ha gestito in maniera molto più efficiente gli update di iOS. Pe fare un confronto, il numero di iPhone e iPad attualmente in circolazione è di gran lunga superiore a quello dei Mac, ma nonostante ciò iOS 14 è stato distribuito senza problemi.

Avete riscontrato problemi durate il download di macOS Big Sur?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!