Notizie

Apple condivide i primi risultati del Women’s Health Study

I primi dati di questo fondamentale studio, significativi per portata e scala, forniscono informazioni preziose sulle mestruazioni e su come vengono vissute dalle donne americane

Nel 2019, Apple ha collaborato con la Harvard TH Chan School of Public Health e il National Institute of Environmental Health Sciences del NIH per lanciare uno studio sulla salute delle donne attraverso la sua app Research su iPhone e Apple Watch.

Oggi la società ha condiviso i dati preliminari dello studio, offrendo approfondimenti sulle donne e sui loro sintomi mestruali. L’analisi preliminare dei dati della Harvard Chan School, relativi alle prime 10.000 donne che si sono iscritte allo studio e hanno risposto a un sondaggio demografico, riconosce un’ampia gamma di sintomi mestruali, alcuni dei quali meno conosciuti o discussi.

Crampi addominali, gonfiore e stanchezza sono i sintomi riportati con maggiore frequenza (oltre il 60% delle partecipanti che hanno registrato i sintomi del ciclo). Più della metà delle donne ha segnalato anche sintomi come acne e mal di testa. I sintomi meno comuni, come diarrea e alterazioni del sonno, sono stati registrati dal 37% delle partecipanti.

Una prima analisi dei dati sembra inoltre suggerire che questi trend accomunino ampie fasce della popolazione, indipendentemente da età, etnia e ubicazione geografica. Per esempio, crampi addominali, gonfiore e stanchezza sono i sintomi più frequenti non solo per le donne bianche, ma anche per quelle nere e ispaniche.

“Il nostro studio servirà per costruire un futuro più equo in cui tutte le persone con un ciclo mestruale avranno accesso ai servizi sanitari e ai prodotti necessari per sentirsi sicure e in controllo del proprio corpo” ha spiegato la Dott.ssa Michelle Williams, preside di facoltà alla Harvard Chan School. “Costruendo una knowledge base solida e generalizzabile, l’Apple Women’s Health Study ci sta aiutando a capire perché le mestruazioni sono causa di difficoltà o isolamento per alcune persone, e a promuovere una maggiore consapevolezza su un’esperienza che accomuna tutte le donne del mondo.”

“Queste scoperte sono un passo avanti verso il riconoscimento dei sintomi mestruali e il superamento dello stigma che li riguarda” ha dichiarato la Dott.ssa Sumbul Desai, Vice President of Health di Apple. “Il team di ricerca della Harvard Chan ha grande esperienza con questo argomento così importante e Apple è orgogliosa di poter sostenere i suoi studi e di contribuire ad ampliarli con l’app Research.”

Il team approfondirà ulteriormente i dati preliminari e fornirà un’analisi dettagliata, completa di indicazioni sulle metodologie, per la ‘peer review’ e la pubblicazione.

“I dati preliminari condivisi oggi suggeriscono che molti sintomi mestruali sono comuni alle donne di tutto il Paese e che si dovrebbe parlare di più di questo fenomeno naturale che si ripete ogni mese” ha dichiarato la Dott.ssa Shruthi Mahalingaiah, fra le autrici dello studio e professoressa aggiunta di salute ambientale, riproduttiva e femminile presso la Harvard Chan School. “Non vediamo l’ora di proseguire il nostro lavoro per creare nel tempo un insieme di dati sul lungo periodo che possano fornire lo spunto per altre ricerche.”

Il Women’s Health Study è la prima ricerca nel suo genere e ha lo scopo di comprendere meglio i cicli mestruali e la loro correlazione con varie condizioni di salute, tra cui la sindrome dell’ovaio policistico, l’infertilità e la transizione verso la menopausa.

Le utenti di iPhone e Apple Watch negli Stati Uniti possono scaricare l’app Research per partecipare alla ricerca, condotta in collaborazione con la Harvard T.H. Chan School of Public Health e il National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS). Le partecipanti devono avere almeno 18 anni compiuti (19 in Alabama e Nebraska, 21 in Porto Rico) e avere avuto almeno una mestruazione.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button