Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

La sicurezza interna di Apple e la polizia di San Francisco sono alla ricerca dell’iPhone smarrito
Notizie

La sicurezza interna di Apple e la polizia di San Francisco sono alla ricerca dell’iPhone smarrito 

Secondo il giornale SF Weekly, alcuni agenti in borghese avrebbero perquisito la casa del giovane sospettato di essere in possesso del prototipo di iPhone smarrito qualche giorno fa nel ristorante messicano Cava 22 a San Francisco (in foto). Il tenente Troy Dangerfield ammette che la polizia locale si sta occupando del caso.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Sergio Calderon, il giovane protagonista della storia, ha affermato che sei persone hanno ispezionato la sua abitazione e la sua macchina in cerca del prototipo smarrito. Questi, annunciatisi come agenti di polizia e muniti di una sorta di distintivo, erano convinti di trovare il dispositivo in base ad i dati rilevati dal segnale GPS. Anche il pc sarebbe stato ispezionato per cercare tracce di sincronizzazione.

Antony Colon, uno degli agenti, avrebbe chiesto un recapito telefonico al giovane Caldron, consigliandogli di chiamare se avesse ritrovato il telefono e promettendogli anche del denaro in cambio. La redazione di SF Weekly avrebbe poi chiamato Colon, il quale non era un agente di polizia ma un agente della sicurezza interna di Apple. Antony Colon è infatti un ex sergente della polizia di San Francisco, assunto da Apple lo scorso anno come Senior Investigator.

Il tenente Troy Dangerfield della polizia di San Francisco avrebbe poi confessato al giornale:

In effetti, dopo avere contattato la stazione di Ingleside abbiamo saputo che due agenti della polizia di San Francisco si sono recati con ispettori di sicurezza Apple alla casa di Calderon. Erano in abiti borghesi e sono rimasti all’esterno dell’abitazione. Apple è venuta da noi e ci ha chiesto assistenza per ritrovare qualche cosa che avevano perso e due agenti in borghese hanno accompagnato alcune persone di Apple. Da quel che ne so i nostri agenti sono rimasti fuori dalla casa, assistendo semplicemente le persone di Apple nella loro ricerca. Legalmente chiunque ha diritto di tenere fuori da casa propria persone che non vuole che entrino.

Via | SFWeekly

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.