Notizie

L’Argentina dovrà aspettare un anno prima di poter lanciare il nuovo iPhone 4S

Per i fan dell’iPhone in Argentina ci sono brutte notizie. Dovranno attendere almeno un anno per l’acquisto ufficiale del dispositivo Apple, ed il governo continua a imporre restrizioni sulle importazioni degli smartphone più venduti del mondo.

The Wall Street Journal afferma che, sebbene l’iPhone non sia vietato nel paese, le restrizioni imposte agli operatori mobili sono estese ai dispositivi che non sono stati fabbricati in Argentina. Apple con i propri fornitori principali che si trovano in Asia, non soddisfa i criteri delle vendite.

Secondo il report, Apple avrebbe venduto solo 3.000 iPhone in Argentina. Nel 2010, prima delle restrizioni imposte dal governo messe in atto nel Marzo 2011, Apple aveva venduto 30.000.

Il divieto è in atto per incoraggiare i consumatori argentini ad acquistare prodotti di produzione locale. Questo divieto è dato dalla politica del presidente Cristina Kirchner che sta sostenendo il sistema per creare posti di lavoro e ridurre la quantità di denaro speso per le importazioni d’oltremare.

Si ritiene che la situazione potrebbe cambiare quando l’iPhone inizierà ad essere prodotto in Brasile, ma anche allora non si potrà essere certi che i dispositivi vengano commercializzati, poichè comunque non saranno prodotti in Argentina.

Via | TheNextWeb

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!