Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Brevetti

Utilizzare un iPhone per sostituire le chiavi della vostra automobile? Presto sarà possibile

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Apple ha pubblicato un brevetto in cui viene spiegata una tecnologia per interfacciare gli iPhone in maniera più capillare con le nostre autovetture. Sappiamo che gli sforzi che sta compiendo la società nel settore dell’automotive stanno aumentando via via con il tempo e questo nuovo brevetto ne è un esempio.

iphone-car-app

Presto potremo utilizzare i nostri iPhone come smart-key, delle chiavi intelligenti che ci permetteranno di svolgere una serie di funzioni interessanti, interfacciandoci direttamente con la nostra automobile via Bluetooth. Potremo ad esempio localizzare la nostra vettura dopo averla parcheggiata ed eseguire tante altre funzioni, simili ad esempio alla MyKey di Ford.

Ad esempio potremo avere accesso alla vettura solamente in determinate ore del giorno, inibendo l’accensione durante la notte, configurare una velocità massima oltre la quale sarà impossibile viaggiare, impostare dei limiti riguardo la percorrenza su un determinato tipo di strade o limitare l’accesso al sistema di intrattenimento mentre si è alla guida.

Se da una parte è vero che sono già esistenti tantissimi sistemi (o applicazioni) per geolocalizzare la propria vettura dopo averla parcheggiata, dall’altra quello pensato da Apple è particolarmente innovativo in quanto funziona in maniera del tutto automatica: non abbiamo bisogno di impostare la posizione della macchina una volta parcheggiata e non utilizzeremo il sensore GPS del terminale, risultando quindi utilizzabile anche all’interno dei parcheggi sotterranei.

Il brevetto è stato reso possibile grazie all’acquisizione della società WiFiSLAM da parte di Apple, che si occupa proprio di tecnologie di geolocalizzazione in spazi interni, senza l’ausilio del modulo GPS.

Un brevetto di questo tipo potrebbe ricondurre alla realizzazione di una fantomatica iCar, una vettura Apple da sempre sogno nel cassetto dell’ex-CEO Steve Jobs. Inoltre è l’ennesima dimostrazione del fatto che Apple vuole estendere i propri servizi all’interno delle automobili, dopo i vari programmi Siri Eyes Free introdotti inizialmente dalla Chevrolet e che hanno raggiunto di lì a breve i vari modelli di Honda, BMW, Mercedes, Land Rover, Jaguar, Audi, Toyota e Chrysler.

Proprio pochi giorni fa abbiamo parlato di iBeetle, un veicolo appositamente pensata attorno ai dispositivi di Cupertino.

Via | 9To5Mac

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.