Notizie

Google sospettata di abuso di posizione dominante dall’Unione Europea

La Commissione Europea ha emesso un avviso nei confronti di Motorola (e quindi Google) per sospetto abuso di posizione dominante in Europa circa alcuni brevetti richiesti in licenza FRAND da Apple. Grazie a questo avviso le cose potrebbero mettersi male per Google, la quale rischierebbe di dover pagare una multa salata, oltre a concedere i brevetti ad altre aziende.

google-motorola-apple-492x276

Nei mesi scorsi, Apple ha fatto richiesta a Motorola per l’utilizzo di alcuni brevetti riguardanti la tecnologia GPRS. Tali brevetti rientrerebbero nella categoria FRAND (Fair, Reasonable and Non-Discriminatory), ovvero quella categoria di brevetti per i quali un’azienda concorrente che ne fa richiesta ha diritto al loro utilizzo pagando un compenso equo e non discriminatorio all’azienda proprietaria degli stessi.

Motorola e Google si sono però rifiutate di concedere tali brevetti ad Apple, la quale ha deciso quindi di iniziare dei procedimenti legali contro il colosso di Mountain View. Per contro, anche Google ha iniziato alcuni procedimenti contro Apple in Germania per violazione dei brevetti.

La Commissione Europea vuole ora vederci chiaro ed ha quindi avvisato Google della situazione. Ora la società può quindi scegliere se continuare con i procedimenti legali oppure se “piegarsi al volere di Apple”. In ogni caso però, se la Commissione Europea giudicherà Google colpevole, essa sarà costretta a pagare una multa molto salata, ed ovviamente dovrà concedere a qualsiasi società che ne farà richiesta, i brevetti tanto bramati da Apple.

Via | Macitynet

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!