Guardando il keynote e leggendo engadget, la notizia appare terribile e definitiva! Gli accordi tra Apple ed AT&T basati sul revenue sharing, sono terminati! Questo comporta molte cose. Prima di tutto, l’iPhone 3G non potrà essere acquistato dagli store online, ma solo tramite i negozi, nei quali si dovrà anche attivare un contratto di 2 anni con AT&T.
Non possiamo portarci l’iphone a casa se prima non stipuliamo un contratto! E giusto appunto, il contratto base è anche aumentato da 20$/mese a 30$/mese. AT&T giustifica tutto questo dicendo che è consapevole della comodità che c’è nell’attivare l’iphone da casa, ma che per stare più vicini al cliente, hanno fatto la scelta di attivarli stesso in negozio, in modo tale da risolvere di persona ogni possibile problema che potrebbe insorgere! Bella scusa! La verità è che si sono resi conto che di tutti gli iphone venduti, almeno il 70% è stato sbloccato! L’aumento del prezzo mensile del contratto è giustificabile dal fatto che aumenteranno le prestazioni e la velocità offerta, però unita all’infamata delle attivazioni in-store, diventa qualcosa di veramente pessimo.
Non c’è via di scampo nemmeno per tutti coloro che come me, pensavano di prenderlo in usa per poi sbloccarlo con comodo a casa, dato che non uscirà 1 iphone da 1 store, senza aver prima firmato un contratto biennale, e Apple comunque potrà sempre bloccarlo e renderlo inutilizzabile in caso di sblocco e/o mancata attivazione entro 30 giorni dall’acquisto!