Notizie

Apple dona 100 milioni di dollari per finanziare l’iniziativa di Obama

Oggi il presidente americano Barack Obama ha dato il via all’iniziativa ConnectED, la quale tra le altre cose impiegherà 750 milioni di dollari provenienti da aziende private per far sì che gli studenti americani possano usufruire di velocità di connessione ad internet più elevate. Apple partecipa all’iniziativa con macchinari del valore di 100 milioni di dollari.

educazione-ipad

Apple investirà nell’iniziativa ConnectED fortemente voluta da Barack Obama con 100 milioni di dollari donati sotto forma di attrezzature scolastiche di grande utilità, come ad esempio iPad, computer ed altri strumenti. Per arrivare alla cifra dei 750 milioni di dollari però, anche altre importanti aziende contribuiranno all’iniziativa. Stiamo parlando di At&T e Sprint, le quali contribuiranno a fornire l’accesso ad internet gratuito nelle scuole; Verizon, che stanzierà 100 milioni di dollari da donare come contributo alle famiglie; Microsoft, la quale sta fornendo Windows a prezzi scontati e distribuirà 12 milioni di copie di Office gratuitamente.

Per finire, Obama ha annunciato che altri 2 miliardi di dollari verranno messi da parte per la FCC (Federal Communications Commission), in modo che 20 milioni di studenti non dovranno pagare alcuna tassa per il servizio internet a banda larga.

Il progetto ConnectED nei primi due anni coinvolgerà 15’000 scuole statunitensi e circa 20 milioni di studenti. L’iniziativa, in collaborazione con le aziende private, si pone come obiettivo di portare la banda larga al 99% degli studenti americani entro i 5 anni.

Via | MacRumors

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!