Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple viene premiata per la protezione della privacy dei suoi utenti dalle richieste governative
Notizie

Apple viene premiata per la protezione della privacy dei suoi utenti dalle richieste governative 

E’ abbastanza noto che in fatto di sicurezza e privacy non si è mai troppo scrupolosi. Internet, soprattutto per gli utenti abituati ad effettuare pagamenti online, può realmente rappresentare un mare di squali pronti ad attaccare. Proprio in fatto di privacy, Apple è stata premiata a punteggio pieno per la protezione dei dati personali dei suoi utenti anche a seguito di richieste governative.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

data

All’ EFF Awards (Electronic Frontier Foundation) è stato pubblicato un report intitolato Who Has Your Back 2014. Il report esamina vari portali online analizzando i termini di sicurezza e di privacy, termini di servizio, eventuali Social Network, provider di email e servizi mobile.

Rainey ReitmanActivism Director dell’EFF, afferma che a seguito di alcuni eventi sono in molte le compagnie che hanno deciso di irrigidire i propri termini di servizio e di privacy anche in caso di richieste governative. La classifica stilata si pone quindi lo scopo di informare gli utenti sul livello di sicurezza delle loro informazioni su determinati portali online.

Nella precedente edizione, solo due compagnie, Sonic e Twitter, ottennero il punteggio pieno di sei stelle. Quest’anno, invece, Apple, CREDO Mobile, Dropbox, Facebook, Google, Microsoft e Yahoo ottengono il favore dei giudici guadagnando il massimo punteggio.

Who Has Your Back 2014: Protecting Your Data From Government Requests | Electronic Frontier Foundation

Il successo di Apple appare ancora più di rilievo se si pensa che nel report dell’anno precedente aveva guadagnato una sola stella. Pare quindi che quest’anno abbia preso sul serio la questione delle informazioni inerenti i suoi utenti.

Via | iClarified

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.