Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple ha creato 307.000 posti di lavoro soltanto in USA: 600 gli impiegati per produrre ogni singolo iPhone
Notizie

Apple ha creato 307.000 posti di lavoro soltanto in USA: 600 gli impiegati per produrre ogni singolo iPhone 

Il ruolo di Apple sull’economia mondiale è forte. Il colosso di Cupertino è uno dei principali produttori mondiali di apparecchi elettronici e proprio per questo il numero di impegati e posti di lavoro creati sono sicuramente importanti. Un’infografica ci mostra qualche informazione in più sui “numeri di Apple” o meglio, l’impatto che ha l’iPhone sul mondo.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

impatto-iphone-nel-mondo

In primo luogo possiamo vedere come la Cina sia il maggiore fornitore dell’hardware dell’iPhone. Segue il Giappone, Sud-Est asiatico, USA, poi Europa e così via.

Ogni giorno vengono prodotti 500.000 iPhone. Ogni settimana sono 3.500.000 ed ogni mese 14 milioni. Per assemblare un iPhone arrivando ad avere un dispositivo finito tra le mani, ci si serve del lavoro di 600 persone!

Soltanto in USA, Apple ha creato 307.250 posti di lavoro (di cui 50.250 lavorano direttamente in Apple mentre 257.000 lavorano nel campo business oppure di trasporto piuttosto che nelle fabbriche di produzione). Pensate quindi quanti possano essere gli impiegati che lavorano per Apple negli altri Paesi come Cina, Giappone e Sud-Est Asiatico.

iPhone-manufacturing-infographic

Il 44% degli iPhone prodotti fin ora, è stato venduto in America. Il 28% in Europa, il 19% in Asia ed il 9% in Giappone.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.