iPhone

Non è cosi scomodo scrivere con la tastiera dell’iPhone dopotutto..

Il designer londinese Phil Gyford ha condotto un interessante esperimento per verificare quale sia il dispositivo che permette di scrivere in minor tempo un testo di 221 parole. Per i test si è servito di 6 dispositivi con diversa tipologia di input del testo e li vediamo tutti in questa immagine:

L’Apple Newton Message Pad 2100 è un dispositivo del 1997 dotato di riconoscimento della scrittura tramite una stilo sul touchscreen; Il Palm Vx del 1999 è dotato del sistema Graffiti per il riconoscimento delle lettere inserite tramite stilo in un’area del display; il Palm Treo 650 del 2004 è dotato di una piccola tastiera fisica di tipo Qwerty; l’iPhone 3GS ha la sua tastiera virtuale di tipo Qwerty ed infine abbiamo un Macbook ed il classico foglio e penna. Dopo aver scritto lo stesso testo sui diversi dispositivi (e sulla carta), si sono avuti i seguenti risultati:

Ovviamente il dispositivo più veloce è il Macbook, che con la sua grossa tastiera fisica ha impiegato circa 3 minuti. Subito dopo però c’è l’iPhone che impiega 5 minuti. Seguono il Treo, la carta e penna, il Newton ed infine il Graffiti.

Lo studio si è dimostrato molto interessante poichè si evince chiaramente che una tastiera fisica non è cosi necessaria e, se le cose vengono fatte nella maniera giusta, anche una qwerty virtuale può risultare addirittura migliore.

Via | Melablog

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!