Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple citata in giudizio per violazione di Copyright in uno spot di iPhone 6 [Video]
Notizie

Apple citata in giudizio per violazione di Copyright in uno spot di iPhone 6 [Video] 

I Know There’s Gonna Be (Good Times)”, queste sono le parole dell’omonima canzone del gruppo statunitense  “the Persuasions” che hanno incastrato Apple in una causa per violazione di copyright.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Media Arts Lab, agenzia pubblicitaria ingaggiata da Apple, utilizzò ingenuamente la voce di Jerome Lawson, cantante della band R&B anni ’70, come jingle in un breve spot pubblicitario dedicato alla fotocamera di iPhone 6.

Il brano incriminato non è però quello originale bensì una rivisitazione in chiave rap inserita all’interno del primo album da solista del musicista britannico Jamie xx che non era stato, a suo tempo, autorizzato da nessun membro della Band a realizzare il suddetto remake.

In soccorso a Jamie xx arrivò immediatamente Universal affermando di aver comunicato l’idea dell’artista al bassista dei Persuasion Jimmy Hayes che ammise di aver erroneamente dimenticato la cosa.

Nonostante ciò Lawson ha deciso di intentare causa contro Apple in quanto, nonostante il remake della base, la sua voce a cappella è perfettamente udibile all’interno dello spot. Nella citazione in giudizio, il cui procedimento legale è ora affidato alla Corte Superiore di Los Angeles, si legge:

Nella pubblicità di Apple la voce di Lawson spicca ed è riconoscibile, i fan che hanno visto la pubblicità credono erroneamente che il cantante abbia avallato Apple e l’iPhone e/o consentito all’uso della sua voce per pubblicizzare prodotti di Apple.

Qui  potete trovare lo spot sotto accusa.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Disputa simile quella accaduta qualche anno prima fra la cantante Darlene Love e Google per l’utilizzo della canzone “It’s a Marshmallow World” nella pubblicità del Nexus, disputa che non ha recato danno alla controparte grazie all’immediata archiviazione del caso.

Via | Hollywood Reporter

 

 

 

 

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.