Apple presenta ResearchKit, che offre ai ricercatori medici gli strumenti per rivoluzionare gli studi clinici

Apple ha presentato oggi ResearchKit, un framework software open source progettato per la ricerca medico-sanitaria, che aiuta medici e scienziati a raccogliere i dati dei partecipanti agli studi clinici con una frequenza e un’accuratezza superiori, utilizzando app per iPhone. Istituti di ricerca di livello internazionale hanno già sviluppato app con ResearchKit per studi su asma, tumore al seno, malattie cardiovascolari, diabete e morbo di Parkinson.* Gli utenti decidono se partecipare o meno a uno studio clinico, e il modo in cui vengono condivisi i loro dati.

watchkit

“Le app per iOS stanno già aiutando milioni di clienti a monitorare e migliorare la propria salute. Con centinaia di milioni di utenti iPhone nel mondo, abbiamo visto per Apple l’opportunità di avere un impatto ancora maggiore, mettendo le persone in grado di prendere parte e contribuire alla ricerca medica,” ha dichiarato Jeff Williams, Senior Vice President Operations di Apple. “ResearchKit offre alla comunità scientifica l’accesso a una popolazione globale eterogenea, e ancora più modi per raccogliere dati rispetto al passato.”

ResearchKit trasforma l’iPhone in un valido strumento al servizio della ricerca medica

Una volta autorizzate dall’utente, le app possono accedere ai dati raccolti dall’app Salute, come peso corporeo, pressione sanguigna, livelli di glucosio e utilizzo di inalatori per l’asma, che vengono misurati da dispositivi e app di altri produttori. HealthKit è un framework software introdotto da Apple con iOS 8 e offre agli sviluppatori la possibilità di far comunicare fra loro le app per la salute e il fitness. Anche ResearchKit può chiedere all’utente l’autorizzazione ad accedere ai sensori dell’iPhone, come accelerometro, microfono, giroscopio e GPS, per un quadro più esaustivo su altri parametri del paziente, quali andatura, disabilità motorie, forma fisica, capacità verbali e mnemoniche.

Screenshot 2015-03-09 21.05.03

ResearchKit rende anche più facile selezionare partecipanti per studi clinici su larga scala, con la possibilità di accedere a un ampio campione di popolazione, incluse persone che vivono molto distanti dall’istituto di ricerca. Chi prende parte a uno studio clinico può completare le attività assegnate o rispondere ai questionari direttamente dall’app, così i ricercatori passano meno tempo nella compilazione di documenti e possono concentrarsi maggiormente sull’analisi dei dati. ResearchKit permette inoltre ai ricercatori di presentare un processo interattivo per il consenso informato. Gli utenti scelgono a quali studi clinici partecipare e quali dati fornire di volta in volta.

“Siamo ansiosi di utilizzare i nuovi strumenti di ResearchKit di Apple per ampliare la selezione dei partecipanti e raccogliere rapidamente ancora più dati grazie al semplice utilizzo di un’app per iPhone. Questi dati ci avvicineranno ulteriormente allo sviluppo di un’assistenza più personalizzata,” ha affermato Patricia Ganz, MD, docente presso la UCLA Fielding School of Public Health e direttrice del Cancer Prevention & Control Research presso il Jonsson Comprehensive Cancer Center dell’Università della California. “La possibilità di accedere a dati clinici più diversificati e riferiti direttamente dai pazienti ci aiuterà a definire meglio gli effetti a lungo termine delle terapie antitumorali e a comprendere più a fondo l’esperienza di pazienti con tumore al seno.”

Screenshot 2015-03-09 21.05.23

“Nelle ricerche mirate a migliorare la diagnosi e la prevenzione delle malattie, i numeri sono fondamentali. Grazie al nuovo framework ResearchKit di Apple, possiamo ampliare la ricerca dei partecipanti oltre la comunità locale e raccogliere così una quantità significativamente superiori di dati, che ci aiuteranno a comprendere i meccanismi dell’asma,” ha dichiarato Eric Schadt, PhD, Jean C. and James W. Crystal Professor of Genomics presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai, e direttore e fondatore dell’Icahn Institute for Genomics and Multiscale Biology. “Utilizzando gli evoluti sensori dell’iPhone, siamo in grado di avere un quadro migliore sulle condizioni dei pazienti affetti da asma e proporre così una terapia più personalizzata e mirata.”

Screenshot 2015-03-09 21.11.13

Asma

Sviluppata dalla Icahn School of Medicine del Mount Sinai in collaborazione con LifeMap Solutions, l’app Asthma Health è progettata per favorire l’informazione e l’auto-monitoraggio dei pazienti affetti da asma, promuovere cambiamenti comportamentali positivi e rafforzare l’aderenza ai trattamenti secondo le attuali linee guida per l’asma. Lo studio clinico tiene traccia degli schemi dei sintomi nell’individuo e delle potenziali cause scatenanti delle esacerbazioni, così i ricercatori possono individuare nuovi modi per personalizzare le cure per l’asma.

Tumore al seno

L’app Share the Journey, sviluppata da Dana-Farber Cancer Institute, Penn Medicine, Sage Bionetworks e dal Jonsson Comprehensive Cancer Center della UCLA, è uno studio clinico che mira a comprendere perché alcuni pazienti guarite dal tumore al seno hanno tempi di ripresa più rapidi di altre, perché i loro sintomi variano nel tempo e cosa fare per migliorare i sintomi. Share the Journey si avvarrà di questionari e dati dei sensori dell’iPhone per raccogliere e monitorare informazioni su cambiamenti cognitivi, dell’umore e dello stato di affaticamento, disturbi del sonno e riduzione dell’attività fisica.

Problemi Cardiovascolari

Sviluppata dalla Stanford Medicine, l’app MyHeart Counts misura l’attività e utilizza fattori di rischio e informazioni raccolte tramite questionari per aiutare i ricercatori a valutare con maggiore accuratezza la relazione che intercorre fra livello di attività fisica e stile di vita dei partecipanti e la salute cardiovascolare. Studiando tale relazione su un’ampia scala, i ricercatori potranno comprendere meglio come mantenere un apparato cardiocircolatorio più sano.

Diabete

Il Massachusetts General Hospital ha sviluppato l’app GlucoSuccess per comprendere come diversi aspetti della vita di una persona, quali regime alimentare, attività fisica e farmaci assunti, influiscono sul livello di glucosio nel sangue. L’app può inoltre aiutare i partecipanti a identificare e comprendere chiaramente la relazione che intercorre fra scelte alimentari e attività fisica e i livelli ottimali di glucosio, permettendo loro di svolgere un ruolo più attivo nel mantenimento del proprio benessere.

Morbo di Parkinson

Sviluppata da Sage Bionetworks e University of Rochester, l’app Parkinson mPower aiuta le persone affette dal morbo di Parkinson a monitorare i propri sintomi registrando attività tramite i sensori dell’iPhone. Le attività comprendono un gioco di memoria, test finger-tapping, e altre attività legate alle capacità verbali e motorie. I dati raccolti direttamente dal telefono tramite queste attività e ulteriori questionari vengono quindi combinati con i dati di molti altri partecipanti per contribuire alla ricerca sul Parkinson ad un livello non possibile in passato, rendendo questo studio clinico il più vasto e completo al mondo su questa malattia.

Screenshot 2015-03-09 21.05.40

ResearchKit sarà rilasciato come framework open source il prossimo mese, dando ai ricercatori avranno la possibilità di contribuire a specifici moduli di attività, come i test su memoria o andatura, e di condividerli con la comunità di ricerca globale, per far progredire ulteriormente le attuali conoscenze sulle malattie. Maggiori informazioni su www.apple.com/researchkit.

*Le app del ResearchKit sono disponibili sull’App Store negli Stati Uniti all’indirizzo appstore.com/researchkit e saranno rese disponibili in ulteriori Paesi in futuro. iPhone 5, iPhone 5s, iPhone 6, iPhone 6 Plus e l’ultima generazione di iPod touch supportano le app del ResearchKit.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: