Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Esaminatore forense dell’FBI su Apple: “cretini” e “geni del male” per la crittografia di iPhone e iPad
Notizie

Esaminatore forense dell’FBI su Apple: “cretini” e “geni del male” per la crittografia di iPhone e iPad 

L’esaminatore forense della FBI Stephen R. Flatley ha tenuto ieri un discorso alla International Conference on Cyber Security, e ha espresso la sua opinione sui diversi punti di vista di Apple e dell’FBI circa la crittografia degli smartphone. Stando a Motherboard, Flatley ha descritto l’azienda come “cretini” e “geni del male” per aver creato una crittografia per i dispositivi iOS talmente potente da non poter permettere nemmeno alla stessa Apple di accedere agli iPhone degli utenti.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Flatley ha dichiarato che i recenti aggiornamenti della crittografia dei dispositivi Apple hanno reso più lenta la possibilità di “indovinare” le password, portando le iterazioni da 10 mila a 10 milioni, “rendendo il lavoro investigativo dei suoi colleghi più difficile“. Un hacking può dunque richiedere da pochi giorni a due mesi, portando Flatley ad affermare che Apple sia abbastanza brava in queste cose da geni del male. Non è invece possibile analizzare il contesto del commento “cretini” relativo sempre all’azienda.

Il commento di Flatley arriva a distanza di anni dalla orma nota disputa tra Apple e l’FBI nata per lo sblocco dell’iPhone del terrorista Syed Farook, uno degli autori dell’attacco di San Bernardino del Dicembre 2015. In sintesi, l’FBI chiese ad Apple di accedere all’iPhone 5c del terrorista utilizzando però una particolare versione di iOS, che l’azienda di Cupertino si rifiutò di creare in quanto avrebbe rappresentato una “master key” utilizzabile per ottenere informazioni praticamente da ogni iPhone e iPad.

L’ente governativo optò per una via alternativa, chiedendo la collaborazione dell’azienda israeliana Cellebrite. Flately ha citato anche quest’ultima durante il suo discorso, definendola (come Apple) “un altro genio del male”.

Nonostante lo scontro tra Apple ed FBI sia terminato, il dibattito sulla crittografia dei dispositivi tech continua ad essere molto attuale, e sentiremo sicuramente parlare dell’argomento anche in futuro.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.