PUBBLICITÀ
App Store

App Store: Apple modifica l’algoritmo per ridurre la presenza delle proprie app nei risultati di ricerca

In un’intervista con il New York Times, i dirigenti di Apple Phil Schiller ed Eddy Cue hanno rivelato che Apple ha modificato l’algoritmo dell’App Store in modo che le proprie app non appaiano troppo nei risultati di ricerca.

A seguito dell’attenzione della stampa da parte del New York Times e del Wall Street Journal, Apple ha scoperto che l’App Store mostrava molte app Apple per termini di ricerca comuni. Ad esempio, una ricerca di “musica” mostrerebbe non solo Apple Music ma fino a sette altre app di prima parte nei primi dieci risultati.

Apple afferma che ciò è accaduto a causa di una funzionalità del motore di classificazione dell’App Store in cui le app dello stesso sviluppatore vengono spesso visualizzate insieme. Questa funzione può essere utile, ad esempio quando i clienti cercano “Office” possono vedere la maggior parte delle app della suite di Microsoft.

Tuttavia, la popolarità fuori misura delle app di Apple ha fatto sì che il comportamento di raggruppamento dominasse troppo. Parte della causa è che alcuni clienti di iPhone e iPad apparentemente usano la ricerca App Store per trovare app che sono già installate sui loro telefoni. Quando gli utenti fanno clic su un’app Apple, la sua popolarità aumenta in modo sproporzionato rispetto a quelle di terze parti.

Nel caso della “musica“, Apple Music si classificherebbe al primo posto. Ma le app di Apple come GarageBand, iTunes Remote, Memo musicali, iTunes Store, iMovie e persino Clip riempirebbero i posti successivi, il che significa che i concorrenti di Apple Music come Spotify avrebbero difficoltà a ottenere visibilità.

App Store

A partire dal 12 luglio, Apple ha disattivato la funzionalità di raggruppamento dell’algoritmo per tutte le app Apple. Il New York Times cita i dati di Sensor Tower che indicano che la modifica ha fatto la differenza:

Il 12 luglio, molte app Apple sono scese drasticamente nelle classifiche delle ricerche popolari. I migliori risultati per “TV” sono passati da quattro app Apple a due. “Video” e “mappe” sono cambiati da tre principali app Apple a una. E Apple Wallet è sceso dal primo posto per “denaro” e “credito”.

Sembra che le app di Apple come Apple Music ottengano regolarmente il posizionamento principale nella parte superiore dell’elenco dei risultati di ricerca, ma altre app di Apple non pertinenti non saranno più incluse.

Apple non sta posizionando la modifica come correzione. I dirigenti indicano che l’algoritmo funzionava correttamente e l’handicap è stato istituito per aiutare altri sviluppatori a spese di Apple. Il fattore di raggruppamento rimane per gli sviluppatori di terze parti.

Puoi leggere il rapporto completo sul sito web del New York Times, che include un’illustrazione interattiva del problema che è stato scoperto.

Mentre le posizioni monopolistiche delle grandi aziende tecnologiche continuano ad essere evidenziate, Apple ha ribadito la sua posizione secondo cui l’App Store è un mercato equo e aperto per gli sviluppatori di app:

“Non c’è nulla nel modo in cui eseguiamo la ricerca nell’App Store che è progettata per guidare i download alle nostre app”, ha affermato Schiller. “Presenteremo i risultati in base a ciò che pensiamo che l’utente desideri”.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button