Notizie

Apple blocca un aggiornamento di Facebook che mostra il messaggio “Commissione del 30%”

Facebook ha riferito che Apple ha bloccato l'update della sua app perché contiene il messaggio che avvisa gli utenti della commissione del 30% della società.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Il produttore di iPhone ha bloccato il tentativo di Facebook di informare gli utenti della commissione del 30% che Apple avrebbe preso su tutti gli acquisti in-app effettuati tramite una nuova funzionalità di eventi online.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Secondo quanto riferito, Apple ha dichiarato a Facebook che l’aggiornamento ha violato una regola dell’App Store che impedisce agli sviluppatori di mostrare informazioni “irrilevanti” agli utenti.

Facebook ha pianificato di lanciare un nuovo strumento nella sua app che consente agli influencer e ad altre aziende di ospitare eventi online a pagamento come un modo per recuperare le entrate perse durante la crisi sanitaria globale. 

Secondo le regole di lunga data dell’App Store, il produttore di iPhone prende una commissione del 30% di tutti gli acquisti in-app. Quando Facebook ha chiesto ad Apple di rinunciare alla commissione in modo da poter trasferire tutte le entrate degli eventi agli imprenditori, il colosso di Cupertino si è rifiutato di accettare.

La funzione è ora disponibile nell’app Facebook, senza il messaggio che notifica agli utenti la commissione del 30% di Apple.

Secondo quanto riferito, Facebook intendeva mostrare il seguente messaggio su Android: Facebook non prende una commissione da questo acquisto“, ma Reuters ha detto che il messaggio non appare nella versione dell’app attualmente disponibile su Google Play Store.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


“Ora più che mai, dovremmo avere la possibilità di aiutare le persone a capire dove vanno effettivamente i soldi che investono per le piccole imprese.

Sfortunatamente, Apple ha rifiutato la nostra notifica di trasparenza intorno alla loro tassa del 30%, ma stiamo ancora lavorando per rendere disponibili tali informazioni all’interno dell’app”, ha dichiarato un portavoce del social.

Apple non ha risposto ad una richiesta di commento.

Niente delle azioni di Apple è nuovo. La società è stata coerente nell’impedire ad altre app, come Netflix e Spotify, di discutere le politiche di ‌App Store‌, come spiegare agli utenti che potevano pagare i loro servizi tramite il web senza che Apple prendesse la commissione del 30%.

La differenza in questo caso è che, visualizzando in anteprima il messaggio prima di inviarlo al processo di revisione dell’App Store, Facebook sta chiaramente cercando di alimentare il dibattito sul modo in cui Apple gestisce le app sulla sua piattaforma iOS, in un momento in cui il colosso di Cupertino sta già affrontando cause legali antitrust e indagini governative su presunte azioni anticoncorrenziali.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.