Notizie

Apple chiede un risarcimento ad Epic per violazione di contratto

Apple chiede il risarcimento dei danni per la presunta violazione del contratto da parte di Epic Games.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Mentre la battaglia tra Epic Games e Apple continua, quest’ultima ha ufficialmente intentato una causa contro lo sviluppatore di Fortnite chiedendo danni per la violazione del suo contratto di sviluppatore

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Nella nuova dichiarazione del tribunale, Apple dichiara che Epic non è il “moderno Robin Hood aziendale” che afferma di essere.

La società di Cupertino afferma che la causa di Epic non è “altro che un disaccordo di base sul denaro”, evidenziando le entrate che ha guadagnato attraverso l’app Fortnite per iOS e gli strumenti di sviluppo di Apple.

Sebbene Epic si dipinga come un moderno Robin Hood aziendale, in realtà è un’impresa multimiliardaria che non vuole pagare nulla per l’enorme valore che ricava dall’App Store. Le richieste di Epic di un trattamento speciale e le grida di “ritorsione” non possono essere conciliate con la sua flagrante violazione del contratto e dalle sue pratiche commerciali, poiché raccoglie miliardi prendendo commissioni sulle vendite degli sviluppatori di giochi e addebitando ai consumatori fino a 99,99 dollari per pacchetti di “V -Bucks.”

Per anni Epic ha sfruttato tutto ciò che l’App Store aveva da offrire. Si è avvalso degli strumenti, della tecnologia, del software, delle opportunità di marketing e della portata dei clienti che Apple ha fornito in modo da poter portare giochi come Infinity Blade e Fortnite agli utenti iOS in tutto il mondo. Ha apprezzato le enormi risorse che Apple riversa nel suo App Store per innovare costantemente e creare nuove opportunità per sviluppatori ed esperienze per i clienti, nonché per rivedere e approvare ogni app, mantenendolo un luogo sicuro e protetto per clienti e sviluppatori.

Secondo quanto riferito dal produttore di iPhone, Epic ha utilizzato più di 400 API e framework, cinque versioni di Apple SDK, ha fatto revisionare le sue app più di 200 volte e ha inviato più di 140 aggiornamenti agi utenti iOS.

fortnite

Inoltre, Apple afferma che ha pubblicizzato ogni nuova stagione di Fortnite, offrendo “promozioni gratuite e tweet favorevoli” a oltre 500 milioni di utenti finali.

La società di Cupertino afferma che la “condotta intenzionale, sfacciata e illegale” di Epic non può essere lasciata incontrollata, chiedendo al tribunale un risarcimento danni e un ordine che impedisce alla società di promuovere le sue pratiche commerciali sleali.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Né le pretese ipocrite (ed egoistiche) del signor Sweeney né le dimensioni dell’attività di Epic possono giustificare le sue violazioni contrattuali, la sua condotta illecita o le sue pratiche commerciali sleali. Questo tribunale dovrebbe far mantenere ad Epic le sue promesse contrattuali, concedere ad Apple danni compensativi e punitivi e impedire alla società di impegnarsi in ulteriori pratiche commerciali sleali.

Durante il fine settimana, Epic ha presentato la sua documentazione per l’ingiunzione preliminare, sostenendo di aver sfidato Apple perché “era la cosa giusta da fare” e che era “in una posizione migliore rispetto a molte altre società”.

La società ha affermato che “subirà un danno irreparabile” se Fortnite non è autorizzato a tornare nell’App Store‌, ma allo stesso si è rifiutata di rimuovere l’opzione di pagamento diretto che viola le politiche dello store digitale di Apple.

Infine, secondo le ultime stime di Buy Share, la battaglia legale in corso tra le due società potrebbe far perdere alla casa di sviluppo di videogiochi 26 milioni di dollari di entrate mensili mentre Fortnite è bandito dall’App Store.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.