Notizie

Apple: “I principali beneficiari dell’App Store sono gli sviluppatori”

Apple risponde alle accuse mosse dal sottocomitato antitrust della Camera giudiziaria degli Stati Uniti, il quale ha definito la società "un monopolio".

Apple, Facebook, Google e Amazon sono stati oggetto di un’indagine antitrust condotta dal sottocomitato antitrust della Camera giudiziaria degli Stati Uniti, che oggi ha affermato che le società tecnologiche “sono diventate i tipi di monopoli che abbiamo visto l’ultima volta nell’era dei baroni del petrolio e magnati delle ferrovie”.

Come riportato dalla CNBC, il sottocomitato ha pubblicato un rapporto di 450 pagine [PDF] che evidenzia i risultati di più processi, interviste e più di 1,3 milioni di documenti. Il comitato raccomanda importanti cambiamenti nella legge antitrust poiché ritengono che le grandi aziende tecnologiche stiano approfittando del loro “potere di monopolio” per prevenire la concorrenza.

I cambiamenti sono incentrati sulla promozione di una concorrenza leale nei mercati digitali, sul rafforzamento delle leggi relative a fusioni e monopolizzazioni e sul ripristino di un vigoroso controllo e applicazione della legge antitrust.

Il comitato vuole che il Congresso proibisca alle piattaforme dominanti di entrare in linee di business adiacenti e incoraggi le agenzie antitrust a considerare le fusioni di piattaforme dominanti come anticoncorrenziali per impostazione predefinita.

Il presidente del sottocomitato David Cicilline ha menzionato un “Glass-Steagall per Internet” in un riferimento alla legge che separava le operazioni commerciali dall’investment banking negli anni ’30. In altre parole, questo potrebbe costringere Apple a separare le sue operazioni dell’App Store in un’altra società o Google a separare le sue operazioni di YouTube.

I democratici suggeriscono che alle piattaforme dominanti non dovrebbe essere consentito di dare la priorità ai propri servizi al fine di offrire pari condizioni ai concorrenti. Un’altra proposta è quella di richiedere a tutte le aziende tecnologiche di offrire agli utenti modi per trasferire facilmente tutti i dati da una piattaforma all’altra, consentendo ai consumatori di passare da un prodotto o servizio all’altro ogni volta che lo desiderano.

Per quanto riguarda Apple in particolare, il sottocomitato ha stabilito che il produttore di iPhone ha il monopolio quando si tratta della distribuzione di app software su dispositivi iOS e che il suo controllo “le fornisce potere di gatekeeper sulla distribuzione del software su dispositivi iOS”.

Apple ha risposto al sottocomitato democratico sulle raccomandazioni della magistratura della Camera degli Stati Uniti:

Abbiamo sempre affermato che il controllo è ragionevole e appropriato, ma non siamo assolutamente d’accordo con le conclusioni raggiunte in questo rapporto dello staff. La nostra azienda non ha una quota di mercato dominante in nessuna categoria in cui operiamo. Fin dai suoi inizi 12 anni fa con solo 500 app, abbiamo creato l’App Store per essere un luogo sicuro e affidabile in cui gli utenti possono scoprire e scaricare app e un modo di supporto per gli sviluppatori per creare e vendere app a livello globale. Ospitando quasi due milioni di app oggi, l’App Store ha mantenuto questa promessa e ha soddisfatto i più alti standard di privacy, sicurezza e qualità. L’App Store ha abilitato nuovi mercati, nuovi servizi e nuovi prodotti che erano inimmaginabili una dozzina di anni fa e gli sviluppatori sono stati i principali beneficiari di questo ecosistema. L’anno scorso solo negli Stati Uniti, l’App Store ha facilitato il commercio di 138 miliardi di dollari con oltre l’85% di tale importo maturato esclusivamente per sviluppatori di terze parti. Le tariffe di commissione di Apple sono saldamente in linea con quelle addebitate da altri app store e marketplace di giochi. La concorrenza guida l’innovazione e l’innovazione ci ha sempre definito in Apple. Lavoriamo instancabilmente per fornire i migliori prodotti ai nostri clienti, mettendo al centro la sicurezza e la privacy, e continueremo a farlo.

Ricordiamo che i repubblicani non erano d’accordo con alcune delle proposte avanzate dai democratici.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!