Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Il Senato: Google ed Apple devono definire una policy per la privacy
Notizie

Il Senato: Google ed Apple devono definire una policy per la privacy 

Il Senatore Al Franken, dopo le due udienze indette dal Senato USA in seguito ai problemi emersi a causa del salvataggio delle informazioni di localizzazione su AndroidiOS, esprime la sua opinione attraverso una lettera inviata alle due aziende californiane, invitandole a definire una policy per la privacy ben definita, “chiara e comprensibile”, per tutte le app presenti nei rispettivi application store.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Ecco alcuni punti salienti della lettera in questione:

Durante l’udienza ho chiesto ad Dr. Tribble (Apple VP per la Tecnologia Software, ndr) e al Sig. Davidson (Direttore Google per la politica pubblica nelle Americhe, ndr) se Apple e Google avrebbero richiesto che tutte le applicazioni nell’App Store di Apple e nell’Android Market avessero delle privacy policy chiare e comprensibili. Sto scrivendo oggi per rinnovare questa richiesta e per chiedere se entrambe le vostre aziende hanno intenzione di procedere con questo semplice passo verso una miglior protezione della privacy dei vostri utenti. Apple e Google hanno sempre sostenuto di essere interessate nel proteggere la privacy degli utenti. Questa è una semplice opportunità per le vostre aziende di trasformare l’intenzione in realtà.

La domanda del Senatore Al Franken sembra piuttosto retorica, quasi come un consiglio per evitare che le cose diventino ancora più difficili da gestire. Franken, inoltre, è consapevole che la definizione di una politica per la privacy ben definita di certo non basterà per risolvere efficacemente i problemi correlati, ma sarebbe comunque un primo passo per definire in maniera formale come vengono gestite certe informazioni di localizzazione da parte delle due aziende della Silicon Valley.

Non ci resta che attendere e vedere se e cosa cambierà nei prossimi mesi a questo proposito.

Via | MacRumors

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.