Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Notizie

L’utente Apple medio ha $100 in contenuti per ogni dispositivo, sempre più difficile il passaggio ad una nuova piattaforma?

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Come saprete ieri si è festeggiato il terzo anniversario dalla nascita dell’ormai famoso ed amato App Store attraverso cui è possibile acquistare applicazioni da poter utilizzare sui propri dispositivi. In questo contesto arriva una nuova notizia di una certa rilevanza secondo cui “staccarsi” dai dispositivi mobili della mela si farebbe sempre più difficile. L’utente medio, secondo quanto riportato da AppleInsider, ha contenuti sui propri dispositivi pari a 100 dollari rendendo complicato giustificare il passaggio al dispositivo di un altro produttore.

Stando a quanto riportato da Chris Whitmore, analista della Deutsche Bank, con una base installata di 225 milioni di dispositivi montanti iOS, i clienti di Apple hanno investito complessivamente circa 22 miliardi di dollari in contenuti. Un numero destinato a crescere ulteriormente, dal momento che stimando 300 milioni di unità vendute entro la fine del 2012  le vendite potrebbero arrivare a 30 miliardi entro la fine dello stesso anno.

Questo numero rappresenta in media circa $100 di contenuti su ogni dispositivo; suggerendo che i costi derivati da un “cambio” dispositivo risultino particolarmente alti – sostiene Whitmore – l’esperienza offerta da Apple combinata con la continua crescita dei costi per cambiare creano i presupposti per una lealtà senza precedenti da parte del cliente

Whitmore crede che l’attaccamento agli iDevice continuerà a crescere anche grazie alla presentazione del nuovo iCloud attraverso cui sarà possibile sincronizzare in automatico i dati. Il nuovo servizio, che effettuerà il backup degli acquisti, dati delle applicazioni e impostazioni dei dispositivi offrendo in contemporanea spazio di storage per foto e documenti, contribuirà a differenziare iOS dalle piattaforme concorrenti.

L’analisi arriva dopo la rivelazione la settimana scorsa da parte di Apple del raggiungimento di 15 miliardi di applicazioni scaricate attraverso l’App Store di iOS.

Secondo l’analista è l’investimento in applicazioni a pagamento, insieme ai contenuti acquistati attraverso iTunes quali musica e film, che renderà ancor più difficile il cambio di piattaforma da parte dell’utente.

Si aspetta inoltre un’accelerazione negli sviluppi di applicazioni grazie ai nuovi hardware per iPhone ed iPod Touch attesi per quest’anno. Il mese scorso fu Whitmore a predire l’introduzione da parte di Apple un nuovo iPhone del costo di circa $350 senza contratto.

L’analisi è sicuramente interessante e offre numerosi spunti per una riflessione approfondita vista l’importanza che le applicazioni rivestono per quasi la totalità degli utenti in possesso di un iDevice. La parola a voi: sareste disposti a cambiare dispositivo perdendo tutti gli acquisti fin’ora accumulati sul vostro dispositivo targato Apple?

 Via | AppleInsider

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.