Qualche giorno fa, come scritto in un articolo, in seguito alla vittoria di Apple in una causa intentata contro Samsung, è stato stabilito il blocco delle vendite del Galaxy Nexus negli Stati Uniti. Sembra però che un aggiornamento software possa elidere il blocco agendo sul brevetto violato.

Il brevetto incriminato riguarda il sistema di ricerca che utilizza diverse fonti, ma visualizza i risultati in un’unica interfaccia. Questo avviene ad esempio in Siri di Apple ma è alla base anche della ricerca vocale che utilizza Google in Android, quindi prima ancora dell’avvento di Google Now.

Samsung e Google, per superare il divieto della commercializzazione del dispositivo Android, hanno preparato una patch che dovrebbe essere rilasciata a breve per tutti i Galaxy Nexus. Google si è schierata dalla parte del produttore sudcoreano come per sfidare il brevetto di ricerca universale che ha scatenato il tutto.

Le due aziende cercheranno comunque di dimostrare che il sistema di ricerca utilizzato da Android precede i brevetti di Apple, chiedendo all’ufficio U.S. Patent and Trademark di riesaminare il caso.

Anche se il Galaxy Nexus non è il dispositivo Android più venduto in assoluto, è comunque strategicamente molto importante per Google poiché è stato il primo dispositivo a montare  Ice Cream Sandwich ed è stato anche il dispositivo distribuito recentemente agli sviluppatori per il testing del nuovo aggiornamento Jelly Bean.

Via | AllThingsD