Apple con iMessage ha favorito la diminuzione radicale degli SMS

Secondo le ultime statistiche, iMessage sta pian piano sostituendo gli SMS. Ciò si deduce dal numero di Messaggi spediti il giorno della vigilia di Natale: in Finlandia il numero è sceso dal 10.9 milioni del 2010 agli 8.7 milioni di quest’anno. Si prevedono quindi sonni non felici per i gestori di telefonia, che perderanno diversi introiti.

Anche ad Hong Kong ad esempio, il giorno di Natale l’invio di SMS è sceso del 14% rispetto agli altri anni. Cali simili anche nei Paesi Bassi e nelle Filippine, paesi che hanno adottato gli SMS nel 1990. Ormai iMessage, Twitter, le email e gli stessi client come Whatsapp stanno sostituendo gli SMS e non sono di certo io a scoprirlo.

Negli Stati Uniti invece, il calo è stato davvero notevole, in quanto gli SMS fanno guadagnare alle società circa 20 miliardi di dollari secondo l’analista Craig Moffett. La minaccia iMessage in USA è davvero da prendere in considerazione vista le grandi vendite dei dispositivi marchiati Apple. Verizon, uno dei provider che è autorizzato alla rivendita di iPhone oltre AT&T ammette che iMessage rappresenta davvero un rischio per loro, anche perchè i messaggi di testo possono essere inviati anche da iPod touch e iPad a patto che questi ultimi siano connessi ad una rete Wi-Fi (che in America è davvero facile trovare). Si crede infatti che circa il 95% di iPad è connesso ad una rete Wi-Fi senza avere un abbonamento dati fornito dal proprio provider.

Il rischio che comunque gli SMS scompaiano definitivamente non è lecito, in quanto gli Smartphone sono diffusi ma sono costosi e non sono alla portata per utenti di fasce di età troppo elevate. Staremo a vedere!

Via | Cult of Mac

Secondo le ultime statistiche, iMessage sta pian piano sostituendo gli SMS. Ciò si deduce dal numero di Messaggi spediti il…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.