Apple aggiorna la Guida alla Sicurezza, per fare in modo che le applicazioni iOS siano sempre più sicure dai malware

Chiunque si appresti alla programmazione di un’ App, deve fare i conti con l’ipotesi che essa possa essere de-costruita regalando così il proprio lavoro al demolitore di turno. Per far fronte a questa ipotesi, e garantire la sicurezza dei propri sviluppatori, Apple ha rilasciato nuove linee guida relative alla sicurezza, aggiornando la Secure Coding Guide.

Apple-security

Nonostante l’Annual Security Report del 2014 affermi che più del 90% dei malware scoperti nel 2013 mira ad attaccare il sistema operativo di Google, iOS non appare invincibile. Non è quindi concesso ai possessori di device Apple di abbassare la guardia su tale minaccia.

Per proteggere i propri sviluppatori, e di conseguenza anche tutti i consumatori, Apple ha aggiornato la Secure Coding Guide, grazie alla quale i programmatori, sia junior che senior, potranno avere accesso ad una base stabile e sicura da cui partire per la progettazione delle loro App.

Come l’ultimo caso di Snapchat ha dimostrato, non è necessario avere un’enorme gap per causare danni agli utenti, questo l’incipit della guida Apple:

Non è necessario un attacco molto diffuso per causare lesioni di tipo personale o monetario, anche un piccolo evento può, se coinvolge informazioni importanti, apportare danni […] Per la sicurezza di tutti gli utenti, bisogna tenere in considerazione tutte le vulnerabilità e le possibili brecce nel sistema lavorando rapidamente per risolvere tali problematiche.

Grazie a questa guida, vi verranno illustrati non solo i metodi migliori per individuare i punti deboli della vostra programmazione, ma vi verrà fornito, in aggiunta, un elenco di step da controllare prima dell’invio ufficiale dell’App.

La guida oggetto dell’articolo è disponibile al seguente link.

Via | ActualidadiPhone

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: