Il The New York Times riporta che Apple era tra le diverse aziende tech che hanno partecipato lo scorso mese all’incontro con l’Intelligence degli Stati Uniti d’America. L’incontro si è tenuto presso il quartier generale di Facebook situato a Menlo Park, in California, e si è focalizzato sulle elezioni di metà mandato negli USA.

Stando al rapporto, l’incontro si è tenuto il 23 Maggio e ha visto la partecipazione di Amazon, Apple, Facebook, Google, Microsoft, Oath, Snap e Twitter. Per quanto riguarda invece gli ufficiali USA, hanno partecipato Cristopher Krebs del Department of Homeland Security e altri rappresentanti della nuova task force della FBI contro “le interferenze esterne”.

L’obiettivo dichiarato durante il meeting è quello ovviamente di evitare forti interferenze di altri paesi (Russia in primis), come accaduto con le elezioni del 2016.

I partecipanti avrebbero parlato di una certa tensione durante l’incontro, con le aziende tech che avrebbero fatto pressioni agli ufficiali per ottenere più informazioni, senza però ottenerle. In particolare, tali società avrebbero chiesto ad FBI e DHS di fornire dettagli su possibili minacce da affrontare.