Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

AppleiPhone

Gli iPhone superano i livelli di sicurezza delle radiazioni a radiofrequenza

Apple e Samsung citate in giudizio perché i loro dispositivi superano i livelli di sicurezza delle radiazioni a radiofrequenza

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Lo studio legale con sede a Chicago, Fegan Scott, ha intentato una causa contro Apple e Samsung, sostenendo che test indipendenti suggeriscono che i livelli di radiazione a radiofrequenza negli smartphone recenti “superano di gran lunga i limiti federali“.

La base di questa causa risale ad agosto, quando The Chicago Tribune ha avviato un’indagine sui livelli di radiazione a radiofrequenza emessi da smartphone popolari.

iPhone

Un laboratorio accreditato ha testato diversi smartphone secondo le linee guida federali e ha scoperto che alcuni iPhone stanno presumibilmente emettendo radiazioni a radiofrequenza che superano i limiti di sicurezza.

Apple ha contestato i risultati e, in una nota, ha dichiarato che i test non erano accurati “a causa della configurazione del test non conforme alle procedure necessarie per valutare correttamente i modelli“.

“Tutti i modelli ‌‌iPhone‌‌, incluso l’iPhone‌‌ 7, sono completamente certificati dalla FCC e in tutti gli altri paesi in cui ‌‌iPhone‌‌ è venduto”, afferma la nota. “Dopo un’attenta revisione e successiva convalida di tutti i modelli di iPhone testati nel rapporto (Tribune), abbiamo confermato di essere conformi e di rispettare tutte le linee guida e i limiti di esposizione applicabili.”

Fegan Scott ha arruolato un laboratorio accreditato FCC per eseguire i propri test su sei modelli di smartphone a distanze comprese tra zero e 10 millimetri per misurare la radiazione a radiofrequenza emessa quando si tocca o si trova in prossimità del corpo.

Il laboratorio che ha effettuato i test afferma che a due millimetri, l’iPhone 8 e il Galaxy S8 emanavano radiazioni “più del doppio del limite di esposizione federale” e a zero millimetri, l’iPhone 8‌ emanava radiazioni “cinque volte più del limite di esposizione federale“.

Dopo aver ricevuto i risultati, Fegan Scott ha deciso di avviare una causa ufficiale contro Apple e Samsung riguardante ‌iPhone‌ 7 Plus, ‌iPhone 8‌, iPhone XR, Galaxy S8, Galaxy S9 e Galaxy S10.

Secondo Fegan Scott, i test condotti dal laboratorio riflettono le “condizioni d’uso effettive” anziché le “condizioni stabilite dai produttori“, il che significa che probabilmente i test non sono stati eseguiti nello stesso modo in cui Apple esegue i propri test interni. Il colosso di Cupertino, ad esempio, esegue test a 5 mm, non a 0 mm e 2 mm.

Non ci sono prove che livelli di radiazione a radiofrequenza superiori ai limiti federali possano potenzialmente causare danni, quindi i consumatori non dovrebbero allarmarsi in questo momento. La FCC sta effettuando i propri test indipendenti e tali risultati dovrebbero fornire maggiori informazioni sulla sicurezza degli smartphone.

La causa richiede danni a Apple e fondi per il monitoraggio medico.

 

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.