PUBBLICITÀ
Notizie

Il CEO di Hey risponde ad Apple: “la mancanza di scelta danneggia le relazioni con i clienti”

"La più grande azienda del mondo può davvero decidere in che modo milioni di altre aziende possono interagire con i propri clienti?"

Questa settimana, Basecamp hanno provato a rilasciare la sua app di posta elettronica per iOS, Hey, ma non ha superato il processo di revisione dell’App Store, ed in seguito, Phil Schiller ha dichiarato che la società non ha in programma di modificare le regole dell’App Store per adattarsi all’app di posta elettronica.

Adesso, il CEO di Basecamp / Hey ha scritto una lettera aperta ad Apple condividendo la convinzione che questo è qualcosa di più della tassa del 30% che il gigante tecnologico prende dagli acquisti sull’App Store e il problema principale si riduce a una “mancanza di scelta danneggia le relazioni con i clienti“.

Ieri, il vicepresidente Apple Phil Schiller ha confermato che la società non aveva intenzione di cambiare la sua decisione su Hey.

Dal punto di vista di Apple, l’app di posta elettronica non soddisfa le sue linee guida per gli sviluppatori e dalla posizione di Hey, il colosso di Cupertino sta applicando in modo incoerente le sue regole e usando pratiche anticoncorrenziali.

App Store

Jason Fried, CEO di Basecamp / Hey, ha scritto una lettera dettagliata ad Apple intitolata “Il nostro CEO descrive le politiche di pagamento dell’App Store di Apple e il loro impatto sul nostro rapporto con i nostri clienti“.

Fried afferma che il denaro è sicuramente una parte importante di tutto ciò, ma che riguarda davvero “l’assenza di scelta” e che “Apple si inserisce forzatamente tra la tua azienda e il tuo cliente“.

Secondo il CEO, i requisiti di acquisto in-app dell’App Store limitano la capacità con cui gli sviluppatori possono aiutare i propri clienti.

“Può rovinare completamente un’interazione, danneggiare la tua reputazione e può letteralmente costarti clienti”, scrive. “Ci impedisce di fornire un servizio clienti eccezionale quando qualcuno che utilizza il nostro prodotto ha bisogno di aiuto”.

Quando un cliente si iscrive a un abbonamento tramite l’App Store, “tecnicamente non è più il tuo cliente“, afferma Fried, notando che gli utenti pagano Apple che, a sua volta, paga gli sviluppatori. Il sistema impedisce alle aziende di fornire assistenza per una serie di problemi relativi ai pagamenti, inclusi rimborsi, estensioni di periodi di prova, pagamenti parziali, sconti senza scopo di lucro ed eccezioni alle difficoltà.

Fried sostiene che la libertà dalle pratiche restrittive di pagamento di Apple equivale a una migliore esperienza del cliente. Le aziende che desiderano interfacciarsi direttamente con gli utenti e agire in merito ai problemi di fatturazione possono farlo senza l’approvazione di Apple. Inoltre, forzare gli sviluppatori di app multipiattaforma ad adottare un sistema di fatturazione separato può causare confusione e aggiungere complessità inutili al processo.

“Le politiche di pagamento di Apple creano per noi due classi di clienti:” Il can-help “e” Il cant’t-help“, scrive Fried. “L’azienda di Cupertino non può imporre questo su di noi, sui nostri clienti o su qualsiasi attività commerciale: grande, piccola, indipendente o qualunque cosa.”

In conclusione, Fried fa ancora appello ad Apple chiedendo “scelta!”

Quindi cosa vogliamo? Non sto dicendo che gli acquisti in-app non dovrebbero esistere o non dovrebbero essere un’opzione. Per alcune aziende, potrebbe avere senso. Se Apple ti sta inviando tutti i tuoi clienti, probabilmente ha senso. Il tasso del 30% è ancora una rapina, ma il problema fondamentale per noi è la mancanza di scelta.

Apple, per favore, dai ai tuoi sviluppatori la scelta! Cerchiamo di fatturare ai nostri clienti attraverso i nostri sistemi, in modo da poterli aiutare con estensioni, rimborsi, sconti o qualsiasi altra cosa a modo nostro . Sono affari nostri, non tuoi.

Le politiche dell’App Store hanno fatto notizia questa settimana quando la società ha rifiutato di approvare gli aggiornamenti di Hey perché l’app non è riuscita a integrare le opzioni di acquisto in-app per l’abbonamento obbligatorio di 99 dollari all’anno.

Cosa ne pensate?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button