PUBBLICITÀ
AccessoriNotizie

Ray-Ban Stories, gli occhiali smart di Facebook e Ray-Ban: in Italia da 329 euro

Chiamate, musica, foto e video. Sono queste le principali funzioni degli occhiali smart appena presentati e acquistabili anche nello stivale.

Come da programma, Facebook e Ray-Ban hanno oggi presentato i loro occhiali smart. Si chiamano Ray-Ban Stories, si basano sull’applicazione Facebook View, sono disponibili anche in Italia e costano 329 euro (prezzo di partenza).

Ma cos’ha davvero di smart l’ultimo arrivato in fatto di indossabili? Funzionalità legate alla realtà aumentata (come suggerito da diversi rumor)? In realtà, i Ray-Ban Stories sono molto simili ad altri dispositivi già sul mercato, possono effettuare/ricevere chiamate, scattare foto, registrare brevi video e ascoltare musica.

Gli occhiali smart che Facebook ha realizzato con Luxottica dispongono di una doppia fotocamera da 5MP, per scattare foto in alta risoluzione (2592×1944 pixel) e registrare video (1184×1184 pixel a 30 frame al secondo). La fotocamera, inoltre, si regola in automatico a seconda della luce naturale.

Con il touchpad iper-responsive è possibile invece alzare/abbassare il volume di un brano o passare a quello successivo. Oltre agli altoparlanti, i Ray-Ban Stories sono muniti di tre microfoni, necessari per le chiamate e per il controllo vocale delle feature con Facebook Assistant. Quest’ultimo però è al momento disponibile solo in inglese e funziona con comandi come “Hey Facebook, take a photo”, “Hey Facebook, take a video” e “Hey Facebook, start recording”.

I Ray-Stories hanno una batteria che dovrebbe garantire circa sei ore di autonomia e arrivano con un case per la ricarica, per un totale – secondo Facebook – di tre giorni consecutivi di utilizzo.

Infine, gli occhiali smart sono disponibili nei tre iconici modelli targati Ray-Ban, ovvero Round, Wayfarer e Meteor. Per i dettagli sulle possibili combinazioni di colori e tipo di lenti, vi invitiamo a consultare lo shop di Ray-Ban.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button