Ecco come si comporta iOS 7 su iPhone 4: meglio aggiornare oppure no?

Una delle cose per le quali Apple si può ammirare è sicuramente la retrocompatibilità dei propri prodotti. Ogni aggiornamento infatti è supportato da più dispositivi, anche se prodotti anni addietro. Ora che è uscito iOS 7, la cui retrocompatibilità arriva fino ad iPhone 4, possiamo giudicare se questa attenzione della società porti più vantaggi o più svantaggi.

ios-7-ios-6-iSpazio

L’anno scorso quando è stato rilasciato iOS 6, il sistema operativo era supportato da tutti i dispositivi, a partire dal nuovissimo iPhone 5 fino al più vetusto iPhone 3GS. Ovviamente il caro 3GS non possedeva tutte le caratteristiche offerte in iOS 6 a causa delle componenti hardware non proprio di ultima generazione, ma nonostante ciò le funzionalità più importanti erano supportate e venivano eseguite egregiamente dal dispositivo.

Quest’anno sta succedendo la stessa identica cosa con iPhone 4 ed iOS 6: può un telefono del 2010 diventare un moderno dispositivo del 2013 grazie ad un semplice aggiornamento software?

Come abbiamo già accennato, iPhone 4 non ha tutte le caratteristiche proprie di iOS 7. Questo a causa dell’hardware troppo lento, di alcune componenti specifiche mancanti o per la vecchiaia del SoC (System-on-a-Chip).

In particolare, le funzionalità di iOS 7 (e dei precedenti sistemi operativi) inibite su iPhone 4 sono le seguenti:

  • 3D FlyOver e navigazione turn-by-turn.
  • Modalità Panorama e filtri fotografici nell’applicazione Fotocamera (i filtri possono però essere aggiunti successivamente).
  • AirPlay Mirroring.
  • Siri.
  • AirDrop.
  • Effetti traslucidi, sfondi animati ed effetto parallasse.

IMG_0847 IMG_0848

Una cosa da notare è che iOS 7 su iPhone 4 sembra graficamente differente rispetto agli altri dispositivi. Questo dispositivo è infatti l’unico ad utilizzare il processore A4 (iPad non è supportato fin da iOS 6 ed iOS 7 ha bloccato iPod Touch di quarta generazione). Per riuscire a far lavorare un simile hardware con iOS 7 quindi, Apple ha dovuto bloccare l’effetto traslucido ed altri effetti grafici del sistema operativo in favore di una trasparenza più semplice da gestire. Questa grafica alternativa si può attivare anche sui dispositivi più nuovi andando in Impostazioni > GeneraliAccessibilità > Aumenta contrasto.

IMG_0845 IMG_0846

Nonostante queste piccole differenze le grandi funzionalità di iOS 7 sono tutte presenti: applicazioni aggiornate, il Centro di Controllo, così come anche tutti gli aggiornamenti sulla sicurezza, le tecnologie e le API che rendono celebre iOS 7. Tutto ciò non è niente male se pensiamo che i possessori di smartphone di altri produttori aggiornamenti come questi se li sognano (è il caso ad esempio di molti smartphone Android, i quali non ricevono aggiornamenti anche dopo soli 6 mesi se non grazie agli hacker).

La brutta notizia di iOS 7 su iPhone 4 riguarda però i rallentamenti: le nuove animazioni sono belle, ma a volte il vecchio hardware non riesce ad elaborarle velocemente e si finisce con l’avere un dispositivo particolarmente scattoso. Questo effetto si amplifica di aggiornamento in aggiornamento e su iOS 7, dove le animazioni sono più elaborate e lunghe, la “scattosità” si vede più spesso.

Ma iPhone 4 è davvero rallentato con iOS 7 o è solo un’impressione? In questa tabella è possibile vedere alcune applicazioni con i relativi tempi di avvio, divisi tra iOS 6 ed iOS 7.

Schermata 2013-09-24 alle 19.27.20

Come potete vedere le applicazioni ci mettono circa un secondo in più (ed oltre per alcune) solamente nell’apertura. Al momento c’è poco da fare per velocizzare le cose, ma forse in futuro sarà possibile disabilitare le lunghe animazioni o verranno velocizzate da Apple stessa.

Una volta aperte però, le applicazioni si comporteranno allo stesso modo salvo alcuni scatti eccezionali nello scrolling quando si utilizzano applicazioni particolarmente elaborate.

Quando si parla però dell’aspetto internet, le cose cambiano in meglio: Apple ha continuato a concentrarsi nel miglioramento delle prestazioni ed i risultati si vedono tutti. iPhone 4 non raggiungerà di certo le velocità di iPhone 5, ma sicuramente ci troviamo davanti ad un ottimo miglioramento.

iOS-7-review-iPhone-4.004 iOS-7-review-iPhone-4.005 iOS-7-review-iPhone-4.006

Parlando invece della durata della batteria, questa risulta sì peggiorata ma meno in confronto a quanto è accaduto su iPhone 5 con iOS 7. Mettendo iPhone 4 in Wifi, con una luminosità dello schermo al 50% e caricando una nuova pagina in Safari ogni 15 secondi con iOS 7, la batteria è durata ben 8 ore e 7 minuti. Lo stesso test eseguito su iPhone 4 con iOS 6.1.3 ha dato come risultato una durata di 8 ore e 28 minuti.

jailbroken-iphone-4s

La domanda a questo punto è d’obbligo: conviene aggiornare ad iOS 7 su iPhone 4? La risposta potrebbe essere più o meno “sì se vuoi tutte le nuove caratteristiche del sistema operativo e non vuoi acquistare un nuovo dispositivo“.

iOS 7 su iPhone 4 funziona, ma in realtà non è un vero e proprio iOS 7. Questo perché si tratta pur sempre di un dispositivo vecchio che sente delle limitazioni del tempo. Apple ha però deciso di includerlo tra i dispositivi supportati probabilmente per il fatto che esso ha venduto molto bene e continuerà a farlo in Paesi come la Cina. In questo modo gli utenti avranno gli aggiornamenti assicurati per almeno un altro anno.

È apprezzabile il fatto che Apple non abbandoni i suoi clienti con i dispositivi più vecchi, ma iOS 7 su iPhone 4 non soddisfa gli standard qualitativi abituali offerti dalla società. Le funzioni ci sono, ma l’usabilità viene peggiorata dalla lentezza e dalle scattosità. Tutti coloro che acquisteranno un iPhone 4 non avranno scelta e dovranno tenersi iOS 7, ma tutti quelli che lo possiedono da tempo potrebbero dover valutare attentamente se è meglio ottenere nuove funzionalità o un telefono veloce nell’eseguire tutte le funzioni.

Via | Arstechnica

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: