Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple ritarda i piani per limitare il monitoraggio di terze parti nelle app per bambini
App Store

Apple ritarda i piani per limitare il monitoraggio di terze parti nelle app per bambini 

Apple sta ritardando i suoi piani per limitare il monitoraggio e la pubblicità di terze parti in app progettate per i bambini, riferisce il Washington Post.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

La decisione dell’azienda viene a seguito di un’inchiesta del Washington Post sugli sviluppatori di app che non sono soddisfatti delle modifiche e su cosa significhi per il funzionamento delle app gratuite per i bambini.

All’inizio di quest’anno, ci sono state segnalazioni secondo cui Apple avrebbe limitato il tracciamento degli annunci di terze parti nelle app rivolte ai bambini per proteggere meglio la loro privacy e la società ha annunciato ufficialmente le modifiche a giugno. Inizialmente Apple aveva pianificato di implementare queste modifiche a settembre, ma ora si sta trattenendo per dare agli sviluppatori più tempo per adattarsi alle nuove regole.

A seguito di un’inchiesta del Washington Post, Apple ha dichiarato che ora prevede di ritardare le modifiche alle regole. “Non stiamo arretrando su questo importante problema, ma stiamo lavorando per aiutare gli sviluppatori ad arrivarci“, ha scritto il portavoce di Apple Fred Sainz in una dichiarazione via e-mail. La dichiarazione afferma che alcuni sviluppatori hanno chiesto ad Apple di chiarire le nuove regole, ma che “generalmente abbiamo sentito da loro che esiste un ampio supporto per ciò che stiamo cercando di fare per proteggere i bambini“.

Le nuove linee guida dell’App Store impediscono alle app per bambini di utilizzare servizi di analisi di terze parti, che possono raccogliere molti dati sulle abitudini di utilizzo. Apple sta anche “riducendo drasticamente” le vendite di annunci nelle app per bambini.

Per aiutare a mantenere privati i dati dei bambini, le app nella categoria bambini e le app destinate ai bambini non possono includere software di analisi o pubblicità di terze parti e non possono trasmettere dati a terze parti. Questa linea guida è ora applicata per le nuove app. Le app esistenti devono seguire questa linea guida entro il 3 settembre 2019.

Gerald Youngblood, lo sviluppatore dell’app per videogiochi Tankee per bambini, ha dichiarato al Washington Post che le nuove regole di Apple potrebbero limitare la capacità di Tankee di mostrare annunci pubblicitari, influenzando così la sua decisione di rendere l’app gratuita.

Diversi altri sviluppatori e creatori di app hanno fatto eco alle preoccupazioni riguardo alle modifiche, tra cui Dylan Collins, amministratore delegato di SuperAwesome, una società progettata per aiutare gli sviluppatori a navigare le leggi sulla privacy dei minori. “Questo semplicemente ucciderà la categoria di app per bambini“, ha detto al Washington Post.

app bambini

Apple non ha detto quante app per bambini raccolgono informazioni di identificazione personale sui bambini, il che rende poco chiaro quanto sia diffuso il problema. Invece di mettere al bando ogni divieto di tracciamento e riduzione degli annunci, gli sviluppatori vogliono che Apple imponga che tutte le app per bambini utilizzino pubblicità e analisi verificate per sicurezza.

Gli sviluppatori mettono anche in discussione il fatto che le nuove regole non impediscono agli stessi sviluppatori di raccogliere dati o mostrare annunci, ma limita semplicemente le opzioni di terze parti. Gli sviluppatori affermano che le nuove restrizioni di Apple li incentiveranno semplicemente a iniziare a sviluppare app tecnicamente realizzate per adulti, anche se gli utenti finiscono per essere bambini.

Phil Schiller di Apple ha dichiarato al Washington Post che inizialmente la società ha provato a contattare gli sviluppatori e gli operatori di software pubblicitario per chiedere loro di rimuovere gli annunci inappropriati, ma alla fine quell’approccio ha fallito. Schiller ha continuato dicendo che Apple ha parlato con alcuni sviluppatori prima di implementare le nuove regole. “Abbiamo raccolto dati sufficienti per fare la cosa giusta“, ha affermato Schiller.

Non è chiaro come e quando Apple alla fine implementerà le modifiche dell’app che ha delineato a giugno, e non è noto se la società prevede di apportare modifiche prima di implementare nuove linee guida.

 

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.