News

A New York City c’è un laboratorio da 10 milioni di dollari per decifrare l’iPhone

I funzionari delle forze dell'ordine di New York gestiscono un laboratorio da $ 10 milioni progettato per sbloccare gli iPhone

Il procuratore distrettuale di Manhattan Cy Vance Jr. ha costruito e supervisiona un laboratorio forense di alta tecnologia da 10 milioni di dollari costruito espressamente allo scopo di sbloccare gli iPhone, secondo un nuovo rapporto di Fast Company.

Il laboratorio è dotato di “hardware strabiliante” e un team di esperti di tecnologia, molti dei quali sono ex militari. La struttura stessa dispone di una camera di isolamento a radiofrequenza che serve per sbloccare gli iPhone dei criminali prima questi che cancellino i dati a remoto.

camera isolamento

Il team di Vance ha migliaia di iPhone presso la struttura in varie fasi di cracking. C’è un supercomputer che genera 26 milioni di passcode casuali al secondo, un robot in grado di rimuovere i chip di memoria senza usare calore e strumenti specializzati per riparare i dispositivi danneggiati per renderli nuovamente funzionanti.

Tutti gli iPhone sono collegati a computer che generano passcode nel tentativo di entrare nei dispositivi, e che a volte richiedono decine di migliaia di combinazioni . Coloro che lavorano presso la struttura, incluso il regista Steven Moran, tentano anche di restringere le possibilità utilizzando compleanni, date significative e altre informazioni che potrebbero essere utilizzate per un passcode iPhone.

Il software di flusso di lavoro proprietario tiene traccia di tutti gli iPhone presso la struttura, compresi il loro software e la loro importanza, allo scopo di decidere su quale ‌iPhone‌ lavorare e quali potrebbero essere violati utilizzando una soluzione di terze parti appena scoperta.

Vance è stato uno dei maggiori critici di Apple e ha invitato il governo a introdurre una legislazione anti-crittografia per rendere più facile per gli agenti delle forze dell’ordine accedere agli iPhone necessari per le indagini penali. Secondo Vance, l’82% degli smartphone che entrano nell’unità sono bloccati e il suo laboratorio per la criminalità informatica può “crackare circa la metà di questi“.

iPhone

I frequenti aggiornamenti software di Apple rendono continuamente più difficile la penetrazione negli iPhone rendendo il processo più complicato, il che può rendere quasi impossibile la violazione tempestiva di un dispositivo Apple.

Vance ritiene che “non sia giusto” che Apple e Google possano impedire agli agenti delle forze dell’ordine di accedere agli smartphone. Vance afferma che alle forze dell’ordine è stata affidata la responsabilità di “proteggere il pubblico“, ma Apple e Google offrono un accesso limitato alle informazioni. Vance ritiene che dovrebbe esserci un “equilibrio” tra la tutela della privacy degli utenti e la giustizia per le vittime di reati.

iPhone

Apple fornisce i dati di un iPhone da iCloud senza entrare nel dispositivo, ma Vance afferma che un criminale serio non ha un backup di iPhone. Un utente può anche scegliere quali informazioni archiviare in remoto e “in molti casi” gli smartphone non effettuano il backup tra il momento in cui si verifica un crimine e quando un dispositivo viene spento.

Le forze dell’ordine possono anche ottenere metadati del dispositivo come l’ora e il luogo di una telefonata dalle carte SIM o dagli operatori telefonici, ma Moran afferma che questa è la differenza tra la capacità di leggere una lettera e l’essere limitato al solo posto in cui è arrivata la lettera.

Vance afferma di non “lamentarsi” per il problema della crittografia, ma afferma che il suo laboratorio “non è la risposta” poiché la maggior parte degli Stati Uniti non può permettersi di fare il lavoro che il cyber lab di New York fa.

Per ulteriori informazioni sull’unità di analisi ad alta tecnologia di New York e sulla struttura, assicurati di controllare il rapporto completo di Fast Company.

 

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!