Springtomize 2, il tweak di personalizzazione avanzata per i nostri iDevice sbloccati | Recensione Cydia

Chi possiede o possedeva un dispositivo jailbroken conoscerà sicuramente Springtomize, il tweak sviluppato da Filippo Bigarella che consente la personalizzazione di tantissime funzioni e caratteristiche dei nostri dispositivi. Come vi avevamo riportato ieri, il tweak è stato completamente riscritto e riproposto in una nuova versione disponibile anche per iOS 5. Vediamo le caratteristiche complete di Springtomize 2.

  

Il tweak, tutto made in Italy, è presente nella repository di BigBoss e, una volta installato, occorrerà un respring per procedere con le personalizzazioni. Oltre alla voce dedicata su Impostazioni, verrà creata anche un’icona che visualizzeremo sulla springboard ma che, come vedremo, potrà essere nascosta grazie al tweak stesso.

Per poter godere delle modifiche è importante abilitare Springtomize dall’apposito menù presente su Impostazioni. Fatto questo, ogni volta che effettueremo una nuova modifica, sarà necessario il respring per rendere effettive le personalizzazioni.

Ma passiamo alle cose serie: cosa potremo personalizzare? 

Praticamente tutto! Eh si, sono presenti davvero tante opzioni organizzate in diverse sezioni in base alla parte del sistema che vogliamo modificare, noi le riassumeremo in breve citando le modifiche più interessanti:

  • Animations
  • Capabilities
  • Dock
  • LockScreen
  • Icons
  • Folders
  • App Switcher
  • Time Machine
  • Status Bar
  • Pages
  • Theming
  • Notification Center

Potremo personalizzare le Animazioni modificandone durata o visualizzandole in slow motion. Così come potremo attivare un simpatico effetto che, al momento del lock, simula l’effetto spegnimento delle vecchie tv. O ancora possiamo cambiare il colore al flash che visualizziamo durante gli screenshot (bianco di default).

 

Dal menù Capabilities possiamo attivare funzioni di iOS che non sono presenti di default sul nostro iDevice o disabilitare quelle che ci sembrano di troppo. Basta abilitare questa funzione e selezionare ciò che vogliamo resti in funzione. Per esempio possiamo disabilitare la funzione HDR che di conseguenza non apparirà più nell’app Fotocamera.

Anche Dock e Icone sono pienamente personalizzabili. Nel dock si può adottare ad esempio un effetto coverflow, cambiare il numero di icone o modificarne gli effetti grafici. Nella springboard possiamo cambiare le dimensioni delle icone, nasconderne le etichette o disabilitarle del tutto, eliminare la “X” che permette la disinstallazione dell’app selezionata o nascondere quelle che non vogliamo visualizzare (o far visualizzare).

 

La Lockscreen permette di essere modificata praticamente in toto. Tra le modifiche più interessanti abbiamo la possibilità di mantenere sempre attivo il tasto della fotocamera (che di default si attiva con doppio click su tasto home), nascondere la top bar, aggiungere i secondi all’orario ma anche personalizzare la frase dello slide.

 

Il menù Cartella offre anch’esso importanti possibilità come disabilitare le etichette di notifica, spostare le cartelle stesse nel dock, ecc. Di questo menù come di tutti gli altri, vi diamo solo un assaggio, ma vi assicuro che le possibilità sono davvero infinite.

Possiamo intervenire anche sulle funzionalità dell’App Switcher consentendo ad esempio di poter utilizzare questa funzione anche in landscape mode. Possiamo impostare la visualizzazione dei controlli iPod direttamente all’apertura dello switcher o rimpiazzare la barra del volume con quella della luminosità.

Molto utile è anche Time Machine, che ci consente di salvare le impostazioni di Springtomize in un backup che è possibile ripristinare in un secondo momento. Può essere utile in caso di ripristino del device, in modo tale da non dover rieffettuare tutte le modifiche da zero, o per reimpostare un set di modifiche che vogliamo attuare e che abbiamo precedentemente salvato.

 

La Status Bar non poteva essere esente da personalizzazione, una delle parti dell’interfaccia grafica più in vista di tutte può subire un restyling completo. Possiamo scegliere quali segnali visualizzare e quali nascondere (es. icona aeroplano, o batteria, chiamata persa, ecc.), possiamo cambiare il nome del carrier o sostituire l’orario con una frase. Anche in questo caso le possibilità sono tantissime.

Pages ci permette di nascondere i puntini che si visualizzano in basso sullo schermo allo scorrimento delle pagine e ci indicano in quale di queste ci troviamo. Possiamo eliminare il limite di pagine da scorrere, disabilitare lo spotlight o il paging.

Themes ci da la possibilità invece di personalizzare il nostro dispositivo scegliendo tra vari temi in nostro possesso mixandoli tra loro. Possiamo utilizzare un tema per il dock e uno per la batteria, impostare fonts e scegliere colori. Ancora una volta: personalizzazione 100%.

 

Concludiamo con Notification Center, altra implementazione che si accompagna alla novità uscita con iOS 5. Da qui possiamo personalizzare il NC consentendo l’eliminazione delle notifiche istantanea, cioè senza bisogno di premere prima la X e poi “cancella”. Possiamo anche modificare il numero di righe massimo da visualizzare per ogni notifica, opzione molto comoda.

Per i più esperti, entrando su “more” è possibile anche disabilitare alcuni Addons del MobileSubstrate. Ma ribadiamo che è consigliabile effettuare modiche in questo sezione solo per chi ha una minima idea di cosa stia facendo. Inoltre possiamo sempre ripristinare tutti i valori predefiniti tramite una comoda impostazione e consultare le descrizioni complete di ogni impostazione.

 

In buona sostanza Springtomize 2 è IL tweak. Offre talmente tante possibilità che c’è quasi da confondersi. Filippo Bigarella, ancora una volta, è riuscito a fare davvero un ottimo lavoro, raccogliendo in un unica applicazione tutti i tweak più utili, conosciuti ed interessanti per la personalizzazione dei nostri iDevices e non solo. L’ho testato su iOS 5.0.1 e non ho riscontrato alcun problema, né crash. Penso si possa tranquillamente considerare un Must Have!

Springtomize 2 è stato completamente riscritto e per questo è disponibile sotto forma di nuovo tweak (non semplice aggiornamento del primo). Lo trovate nella repo di BigBoss e può essere acquistato per i prossimi 9 giorni a 0,99$ (per iOS 4) e a 2,99$ (altre versioni di iOS). Dopo questo periodo dovrebbe passare a 3,99$, mentre l’update dalla prima versione del tweak sarà 1,49$. Ovviamente tutti gli aggiornamenti successivi saranno gratuti.

Chi possiede o possedeva un dispositivo jailbroken conoscerà sicuramente Springtomize, il tweak sviluppato da Filippo Bigarella che consente la personalizzazione…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: