Notizie

Un gruppo di sviluppatori sfida Apple per porre fine al dominio di WebKit

L'Open Web Advocacy (OWA) spera di convincere Apple a consentire motori browser di terze parti su iOS.

Un gruppo di sviluppatori sfida Apple per porre fine al dominio di WebKit sui suoi dispositivi mobili e consentire altri motori browser su iPhone e iPad, a seguito delle accuse secondo cui la situazione attuale equivale a una condotta anticoncorrenziale.

PUBBLICITÀ

Per chi non ha familiarità con WebKit, il motore del browser di Apple alimenta Safari e altre aree del sistema operativo in cui vengono visualizzati i contenuti web. La società richiede che tutte le app browser di terze parti su iOS e iPadOS utilizzino WebKit, ma molti sviluppatori di browser non sono contenti delle limitazioni che ciò impone loro.

Open Web Advocacy” o OWA, è un progetto lanciato da sviluppatori con sede nel Regno Unito che desiderano l’accesso a tutte le funzionalità di cui Safari gode ma che non sono disponibili in WebKit.

“Lo scopo del gruppo è cercare di persuadere Apple della necessità di consentire altri motori browser su iOS, in modo che possa essere una piattaforma migliore per lo sviluppo di materiale per il Web moderno”, ha detto lo sviluppatore Bruce Lawson. “Perché al momento, ogni browser su iOS, sia che si tratti di Chrome, Firefox o Edge, è in realtà solo una skin con marchio Safari”.

Alcune funzionalità di Safari che non sono disponibili per altri browser che utilizzano WebKit includono la possibilità di visualizzare video a schermo intero su ‌iPhone‌, installare Web app, utilizzare estensioni del browser e integrare Apple Pay. Gli sviluppatori sono anche frustrati dal fatto che iOS forzi l’utilizzo di Safari in tutti i casi di navigazione in-app. Queste e più di 30 altre funzioni o API mancanti per WebKit sono elencate nel documento “Bringing Competition to Walled Gardens” dell’OWA.

Safari

Apple sostiene che le limitazioni di WebKit sono motivate principalmente da considerazioni sulla sicurezza e sulla privacy, ma Lawson ritiene che la gestione da parte di Apple dei bug di Safari prenda in giro tale affermazione.

“A Natale, c’era un enorme bug in qualcosa chiamato IndexedDB”, ha detto Lawson. “Ciò ha consentito a qualsiasi sito Web arbitrario di vedere altri siti Web visitati. Non tutti, ma quelli che utilizzano determinate funzionalità del browser. E Apple non ha rilasciato nessuna patch per 57 giorni. Quindi, per 57 giorni, ogni utente iOS che ha utilizzato un qualsiasi browser Web su iOS – perché stava usando WebKit – stava perdendo dati da tutti i lati. Se Apple risolvesse davvero gli errori di sicurezza velocemente, sarebbe una difesa plausibile, ma non lo fanno”.

L’OWA afferma di aver comunicato con la Competition and Markets Authority (CMA) del Regno Unito, che ha già pesantemente criticato le politiche di Apple relative a WebKit.

L’OWA sta esortando gli utenti Apple a contattare le autorità di regolamentazione e i legislatori in altre giurisdizioni per galvanizzare il supporto e costringere Apple a porre fine alle sue restrizioni su WebKit, sebbene una tale mossa potrebbe rendere il sideload delle app dal Web una reale possibilità, e questo è qualcosa che Apple non vuole consentire.

PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button