Recensioni

Recensione Yeedi Mop Station, il robot aspirapolvere e lavapavimenti che si auto pulisce e ricarica il serbatoio di acqua

E' un robot 2-in-1 perchè oltre a pulire il vostro appartamento, aspirandolo e lavando il pavimento, è in grado di autopulirsi e di riempire automaticamente il serbatoio con l'acqua. In sostanza: potrete programmarlo e dimenticarvene perchè riuscirà a fare tutto il resto da solo, togliendovi qualsiasi pensiero

Il progresso continua inarrestabile in tutti i settori ed anche i robot aspirapolvere si stanno evolvendo molto in quest’ultimo periodo. 

PUBBLICITÀ

Dopo aver creato dei robot dalla grande potenza aspirante, sono stati introdotti quelli che permettono anche di lavare il pavimento mentre aspirano, poi quelli che svuotano il sacchetto automaticamente e lo step successivo è quello che vediamo oggi con lo Yeedi Mop Station 2in1.

Abbiamo già avuto modo di parlarvi di Yeedi, un marchio giovane che come caratteristica peculiare utilizza un sistema di mappatura della casa e di navigazione tra le stanze che si basa sull’utilizzo di una fotocamera. Questo permette al robot di avere un numero minore di sensori e di mantenere il prezzo più basso rispetto a soluzioni simili di altre aziende. 

Il nuovo Yeedi Mop Station arriva in una confezione dalle dimensioni abbastanza generose. Il robot aspirapolvere e lavapavimenti ha la classica forma circolare e le stesse dimensioni a cui siamo abituati ma la base di ricarica integra una colonnina abbastanza grande e spessa perché al suo interno nasconde ben 2 taniche che permettono al robot di ricaricare l’acqua automaticamente prima di ogni lavaggio e addirittura di pulire i panni di pulizia dopo aver ultimato una pulizia completa, mantenendoli sempre puliti e raccogliendo tutta l’acqua sporca in una tanica differente. 

È a questo che sono arrivati i robot di ultima generazione, un ulteriore passo in avanti rispetto a quelli prodotti uno o due anni fa. Il panno di pulizia inoltre, è stato sostituito da un doppio panno in stile mocio (il Mop), attaccato su delle spazzole rotanti che esercitano una pressione verso il basso di 10N.

Saranno in grado di lavare i pavimenti in un modo sensibilmente migliore rispetto al passato, ammorbidendo e rimuovendo anche lo sporco più ostinato perchè rispetto ai modelli precedenti che prevedevano il semplice scorrimento di un panno privo di oscillazioni o forza verso il basso. 

PUBBLICITÀ

Lo Yeedi Mop Station è semplice da configurare. Per prima cosa dovremo collegare la base alla presa elettrica ed adagiare il robot in corrispondenza dei sensori di ricarica fino a quando la batteria non sarà arrivata al 100% (essenziale per una prima mappatura dell’intero appartamento). Quando sapremo che il nostro robot è carico, ci basterà avviare l’applicazione ufficiale ed accenderlo con l’interruttore posto sul fianco. 

Mettiamo il robot in modalità accoppiamento e poi attraverso l’applicazione seguiamo le indicazioni sullo schermo che ci porteranno ad impostare la rete WiFi per il controllo remoto e tutte le altre opzioni. 

Quando saremo pronti, potremo avviare la mappatura che Yeedi fa avvenire attraverso l’utilizzo della fotocamera integrata. A differenza dei robot provvisti di laser, in questo caso sarà necessario avere tutte le camere abbastanza illuminate (quindi è raccomandabile eseguirla di giorno) perché la fotocamera andrà a “leggere” il soffitto per tracciare il perimetro delle stanza e di conseguenza di tutto il nostro appartamento. Utilizzerà la fotocamera anche per capire il punto preciso in cui si trova il robot da mostrarci sulla mappa e tutti i suoi spostamenti tracciati con una linea. La luce sarà fondamentale per la prima mappatura, dopodiché il robot potrà essere utilizzato anche in condizioni di estrema oscurità perché ormai avrà imparato il percorso da seguire e non avrà problemi. 

Yeedi è un robot abbastanza particolare perchè da un lato offre meno sensori e può sembrare meno completo di altri ma dall’altro lato offre funzionalità avanzate e di ultima generazione come il risciacquo dei mop e la ricarica automatica del serbatoio d’acqua che permette all’utente di avere la casa sempre pulita dimenticandosi completamente di aver cura del robot, il tutto ad un prezzo più basso rispetto ai concorrenti che offrono le stesse possibilità. 

La base di ricarica misura 38 cm in lunghezza x 30 cm di larghezza x 42 cm di altezza e come detto precedentemente integra due taniche indipendenti da 3,5 litri. Una andrà riempita di acqua pulita e l’altra andrà lasciata vuota. Quando il robot terminerà la pulizia dell’intero appartamento, tornerà automaticamente al suo posto e partirà una procedura che laverà le spazzole rotanti con il mop, facendole tornare bianche ed impeccabili. In questo processo verrà utilizzata dell’acqua per il lavaggio che poi verrà “strizzata via” ed aspirata, finendo direttamente all’interno della tanica dell’acqua sporca. 

Utilizzare lo Yeedi Mop Station vi toglierà un altro pensiero. Non solo spazzerà e laverà al vostro posto, tenendo la casa sempre pulita senza alcuno sforzo, ma il robot si potrà anche pulire da solo e ricaricherà l’acqua nel serbatoio in maniera del tutto automatica, togliendovi anche quest’altro tipo di pensiero. 

Se la mancanza del laser viene sopperita dalla fotocamera, Yeedi Mop Station non ha nemmeno un sensore anti-caduta quindi è consigliato maggiormente negli appartamenti che si svolgono su un solo livello, tuttavia, in dotazione nella confezione troveremo anche una striscia magnetica che potremo utilizzare per delimitare delle aree in cui il robot non dovrà mai avvicinarsi, inclusi i gradini di una scala.  In questo modo non correremo il rischio che il robot possa ribaltarsi. Potremo delimitare anche aree particolari della nostra casa o piccole sezioni in cui abbiamo cavi elettrici o altre cose che è meglio non toccare. 

PUBBLICITÀ

La potenza di aspirazione è di 2500Pa, quindi in linea con gli alti standard di pulizia. La batteria è da 5.200 mAh e questo consente una pulizia che può durare fino a 180 minuti. Nel caso in cui doveste avere un appartamento enorme, il robot tornerà automaticamente alla base di ricarica e quando sarà pronto completerà la pulizia proprio da dove si era fermato.

L’applicazione, tra le altre cose, consente anche di impostare dei limiti virtuali da non oltrepassare, permette di programmare la pulizia avviandola automaticamente ad una certa ora tutti i giorni o soltanto durante alcuni giorni della settimana, ed in più è compatibile con Alexa e Google Home grazie ai quali potremo avviare la pulizia con un comando vocale.

Yeedi Mop Station non si ferma nemmeno davanti ai peli di animali e grazie al suo design riuscirà a passare sotto la maggior parte dei letti ed anche sotto a qualche mobile, riducendo anche i rischi di allergia da polvere, pollini e così via.

In conclusione non è sicuramente il miglior robot in circolazione ma probabilmente è quello che costa meno di tutti gli altri con le stesse caratteristiche, ovvero tra quelli che vi offrono la possibilità di dimenticarvene perché in grado di avviarsi, pulirsi e ricaricarsi automaticamente. Il costo di questo robot è di 649€ su Amazon ma al momento è disponibile un Coupon che lo sconta di 100€ portando il prezzo finale a 549€, direttamente da qui.

  • Yeedi Mop Station 2 in 1 robot aspirapolvere e lavapavimenti con lavaggio automatico dei mops, 2500 Pa, navigazione visiva, rilevamento tappeti
    Passa da 649€ a 549€
  • Yeedi Mop Station

    Lavaggio - 10
    Risciacquo delle spazzole o del panno - 10
    Asciugatura delle spazzole o del panno - 9
    Durata della batteria - 8
    Potenza di aspirazione - 6
    Navigazione - 5
    Mappatura delle casa - 5

    7.6

    su 10

    E' un robot 2-in-1 perchè oltre a pulire il vostro appartamento, aspirandolo e lavando il pavimento, è in grado di autopulirsi e di riempire automaticamente il serbatoio con l'acqua. In sostanza: potrete programmarlo e dimenticarvene perchè riuscirà a fare tutto il resto da solo, togliendovi qualsiasi pensiero.

    User Rating: 4.7 ( 1 votes)

    PUBBLICITÀ
    Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

    Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

    Lascia un commento

    Back to top button