AppleNotizie

Apple e Google lanciano l’API di notifica dell’esposizione COVID-19

Oggi, Apple e Google hanno annunciato che stanno rendendo la loro tecnologia di notifica dell'esposizione disponibile alle agenzie di sanità pubblica di tutto il mondo.

Apple e Google hanno lanciato ufficialmente la loro API di notifica dell’esposizione per aiutare le autorità sanitarie di tutto il mondo a rallentare la diffusione di COVID-19.

Sul lato Apple, l’API è disponibile nell’aggiornamento iOS 13.5 appena rilasciato. Gli utenti Android invece, riceveranno automaticamente l’aggiornamento tramite Google Play Services. Apple ha dichiarato che diversi stati degli Stati Uniti e 22 paesi in tutto il mondo hanno richiesto e ricevuto l’accesso all’API fino ad oggi.

Apple e Google si sono consultate con un certo numero di autorità sanitarie pubbliche sull’API, tra cui il CDC, l’Associazione dei laboratori di sanità pubblica, l’Associazione dei funzionari sanitari statali e territoriali, il Consiglio degli epidemiologi statali e territoriali e l’Istituto di informatica della sanità pubblica della Task Force per la salute globale.

Le due società sottolineano che gli utenti hanno la possibilità di aderire alle notifiche di esposizione, che la tecnologia non tiene traccia della loro posizione e che spetta all’individuo segnalare la potenziale esposizione all’app di salute pubblica che potrebbe utilizzare.

Notano inoltre che l’adozione diffusa da parte degli utenti di questa tecnologia è fondamentale per il suo successo ed entrambe le società ritengono che il focus incentrato sulla privacy della propria tecnologia realizzerà tale compito.

Le due società hanno affermato che l’API ha lo scopo di integrare anziché sostituire la traccia dei contatti tradizionale. In una dichiarazione, le aziende hanno affermato che l’API è progettata per far funzionare meglio le app di tracciamento dei contatti:

Una delle tecniche più efficaci che i funzionari della sanità pubblica hanno usato durante le epidemie si chiama tracciabilità dei contatti. Attraverso questo approccio, i funzionari della sanità pubblica contattano, testano, trattano e consigliano le persone che potrebbero essere state esposte a una persona positiva. Un nuovo elemento di tracciamento dei contatti è Notifiche sull’esposizione: usare la tecnologia digitale per preservare la privacy per dire a qualcuno che potrebbe essere stato esposto al virus. La notifica dell’esposizione ha l’obiettivo specifico di una notifica rapida, che è particolarmente importante per rallentare la diffusione della malattia con un virus che può essere diffuso in modo asintomatico.

Per aiutare, Apple e Google hanno collaborato alla creazione della tecnologia di notifica dell’esposizione che consentirà alle app create dalle agenzie sanitarie pubbliche di funzionare in modo più accurato, affidabile ed efficace su telefoni Android e iPhone. Nel corso delle ultime settimane, le nostre due società hanno lavorato insieme, contattando scienziati della sanità pubblica, gruppi sulla privacy e leader del governo di tutto il mondo per ottenere il loro contributo e orientamento.

A partire da oggi, la nostra tecnologia di notifica dell’esposizione è disponibile per le agenzie di sanità pubblica sia su iOS che su Android. Ciò che abbiamo creato non è un’app: piuttosto le agenzie di sanità pubblica incorporeranno l’API nelle proprie app installate dalle persone. La nostra tecnologia è progettata per far funzionare meglio queste app. Ogni utente può decidere se attivare o meno le notifiche di esposizione; il sistema non raccoglie o utilizza la posizione dal dispositivo; e se a una persona viene diagnosticato COVID-19, sta a loro decidere se segnalarlo o meno nell’app di sanità pubblica. L’adozione da parte degli utenti è la chiave del successo e crediamo che queste solide protezioni della privacy siano anche il modo migliore per incoraggiare l’uso di queste app.

Oggi questa tecnologia è nelle mani di agenzie di sanità pubblica in tutto il mondo che assumeranno la guida e continueremo a sostenere i loro sforzi.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!