AppleNews

WWDC 2020 a rischio a causa del COVID-19

L’epidemia di coronavirus, COVID-19, si sta diffondendo in tutto il mondo da gennaio e finora ha avuto un impatto notevole sulla produzione di dispositivi Apple e sulle vendite di dispositivi nei paesi colpiti come la Cina.

Poiché il virus continua a muoversi in Italia, negli Stati Uniti e in altri Paesi, potrebbe causare problemi di produzione e fornitura per diversi mesi e causare la cancellazione di eventi come il WWDC.

Coronavirus

SARS-CoV-2 è un virus della famiglia dei coronavirus emerso a Wuhan, in Cina, nel dicembre del 2019, e la malattia che provoca è il COVID-19. Si ritiene che il virus abbia avuto origine in un mercato ittico in cui sono state vendute carni di animali esotici, anche se gli scienziati cinesi hanno suggerito che potrebbe aver avuto origine altrove e quindi diffondersi sul mercato.

Geneticamente, è stato scoperto che SARS-CoV-2 ha una somiglianza con i coronavirus nei pipistrelli, che è l’animale da cui potrebbe provenire, sebbene i ricercatori credano che un animale secondario come una pangolina fosse coinvolto nella trasmissione.

coronavirus

I coronavirus causano infezioni del tratto respiratorio e mentre molti coronavirus nell’uomo causano lievi problemi simili al raffreddore, le versioni più rare sono più pericolose. Altri esempi di coronavirus che hanno generato allarmi in passato includono SARS e MERS, entrambi più letali di SARS-CoV-2, ma non così diffusi. I sintomi includono febbre, tosse secca e respiro corto.

Indipendentemente dalla provenienza di SARS-CoV-2, il virus ha infettato oltre 95.000 persone e ucciso oltre 3.000, principalmente in Cina. Si è diffuso in oltre 50 località in tutto il mondo, compresa l’Italia, e in particolare, ci sono stati casi di trasmissione in comunità, in cui i medici non sono sicuri di come il virus sia stato contratto.

Impatto del coronavirus sulle vendite di dispositivi Apple

Quando le notizie di COVID-19 si sono diffuse alla fine di gennaio e il numero di contagi è iniziato ad aumentare, Apple ha chiuso tutti i negozi al dettaglio, gli uffici aziendali e i centri di contatto in Cina per due o più settimane.

Molti negozi hanno riaperto alla fine di febbraio, ma ci sono ancora alcuni punti vendita che sono rimasti chiusi, mentre altri negozi riaperti a febbraio funzionano con orari ridotti.

coronavirus

La chiusura dei negozi, operando a orari ridotti, i divieti di viaggio e le quarantene imposti dal governo e la paura del pubblico di contrarre il coronavirus negli spazi pubblici hanno portato a una riduzione del traffico nei negozi in Cina, il che ha avuto un impatto significativo sulle vendite di Apple nel paese.

Impatto del coronavirus sulla produzione di dispositivi Apple

Molti dei fornitori Apple in Cina sono stati costretti a interrompere la produzione per diverse settimane all’inizio di febbraio, viste le chiusure forzate delle fabbriche subito dopo le vacanze del Capodanno lunare. I principali fornitori di iPhone, che includono Foxconn e Pegatron, sono rimasti chiusi per più tempo perché lo scoppio di COVID-19 in un campus di fornitori in cui i lavoratori operano in spazi ristretti sarebbe devastante.

coronavirus

Gli analisti hanno abbassato le loro spedizioni stimate di dispositivi per la prima metà del 2020 a causa del coronavirus, e l’impatto complessivo dell’epidemia per tutto il resto del 2020 rimane incerto.

Alcuni rumors riferiscono che Apple abbia intenzione di andare avanti con il lancio dell’iPhone 9 che dovrebbe essere previsto a marzo, ma è possibile che ci siano alcuni problemi di approvvigionamento. Anche a rischio è la gamma iPhone del 2020, su cui Apple inizia a lavorare all’inizio dell’anno.

iPhone 9

Apple ha implementato restrizioni di viaggio per i propri dipendenti e quest’ultimi non sono stati in grado di recarsi in Cina per iniziare il processo di preparazione che avviene prima della produzione dei nuovi iPhone. A febbraio, i dipendenti Apple in genere viaggiano in Cina per perfezionare i loro processi di produzione con partner come Foxconn .

Non è ancora noto se e in che modo questi problemi possano causare problemi di produzione con gli iPhone 2020 di Apple, ma finora si vocifera che la società sia ancora sulla buona strada per lanciare i nuovi iPhone nell’autunno 2020.

L’affidabile analista Apple Ming-Chi Kuo non crede che la produzione di iPhone migliorerà in modo significativo fino al secondo trimestre del 2020.

La risposta di Apple al Coronavirus

Apple a gennaio ha annunciato l’intenzione di donare denaro a gruppi dedicati alla lotta contro l’epidemia di COVID-19 in Cina e, in seguito, il CEO di Apple Tim Cook ha dichiarato che avrebbe più che raddoppiato la donazione dell’azienda.

Come accennato in precedenza, Apple ha temporaneamente chiuso tutti gli uffici aziendali e i negozi al dettaglio in Cina in risposta al virus. Gli uffici aziendali sono ora riaperti e i negozi sono in fase di riapertura.

Secondo Tim Cook, la principale preoccupazione di Apple è la salute e la sicurezza dei suoi dipendenti, partner della catena di fornitura, clienti e comunità in cui opera, con la società che privilegia le persone rispetto alle entrate.

Coronavirus e WWDC 2020

Con il COVID-19 che ora si sta diffondendo in tutto il mondo, molte aziende hanno annullato o posticipato i propri eventi.

Il Mobile World Congress, una grande fiera di smartphone che si tiene a febbraio, è stata la prima ad essere cancellata. La Game Developers Conference, un importante evento di gioco che si terrà a San Francisco a marzo, è stato annullato, l’evento I / O di Google è stato annullato e Facebook ha recentemente annullato F8, la sua conferenza annuale degli sviluppatori che sarebbe avvenuta a maggio.

La cancellazione di F8 è di particolare interesse perché è un evento molto simile al WWDC. F8 attira circa 5.000 persone e si tiene presso il McEnery Convention Center di San Jose, in California, che è anche il luogo dove Apple ospita il WWDC.

L’F8 si doveva svolgere il 5 e 6 maggio, con un anticipo di circa un mese rispetto a quando Apple dovrebbe tenere il WWDC quest’anno. Il gigante di Cupertino non ha ancora rivelato le date per il WWDC nel 2020, ma in base agli eventi dell’anno passato, prevediamo che l’evento si terrà dell’8 al 12 giugno.

Dato che Facebook ha annullato F8, Apple potrebbe prendere in considerazione una mossa simile, ma in questo momento, non si sa se l’evento sarà posticipato o annullato. Se il WWDC alla fine verrà cancellato, Apple potrebbe condividere tutte le informazioni ai suoi sviluppatori online mentre tiene un piccolo keynote solo per i media per annunciare i nuovi software e prodotti.

A Cupertino, in California, dove si trovano i campus di Apple, sono state segnalate più infezioni da coronavirus. Si ritiene che questi casi siano casi di trasmissione di comunità in quanto le persone in questione non hanno viaggiato in un paese con alta percentuale di contagio né hanno avuto contatti con persone che hanno avuto un’infezione durante il viaggio.

Il modo in cui COVID-19 si diffonderà nella Bay Area determinerà ciò che Apple deciderà di fare nelle prossime settimane.

Via | MacRumors

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!